CRONACA: Sonia Alfano “attacca” Zamparini

CRONACA: Sonia Alfano “attacca” Zamparini

Sonia Alfano, pasionaria Idv, ha uno spazio su “Il Fatto Quotidiano” e lultimo suo intervento coinvolge anche il presidente del Palermo Maurizio Zamparini. Questo il testo integrale della Alfano..

Commenta per primo!

Sonia Alfano, pasionaria Idv, ha uno spazio su “Il Fatto Quotidiano” e lultimo suo intervento coinvolge anche il presidente del Palermo Maurizio Zamparini. Questo il testo integrale della Alfano. “Quello che sta accadendo in questi giorni in Sicilia è davvero incredibile. Non si può stare un attimo tranquilli, è diventata una e propria fiera degli orrori oramai. Qualche sera fa il procuratore capo di Palermo Francesco Messineo è andato a cena con il suo “presunto” indagato, Renato Schifani, in passato socio di personaggi poi rivelatisi mafiosi e oggi presidente del Senato, il che ovviamente non è consequenziale. Vicenda rimasta circondata da un assordante silenzio: nessun grande giornale ha ripreso lo scoop del Il Fatto Quotidiano, nessuna presa di posizione, nessuna richiesta di chiarimenti. Qualche giorno fa invece si scopre che nel luglio scorso la Procura della Repubblica di Benevento ha chiesto l’arresto di Maurizio Zamparini (patron della squadra di calcio di Palermo) a seguito di una indagine durata ben quattro anni. I reati ipotizzati sono: truffa contro la pubblica amministrazione, corruzione, falso e abuso d’ufficio. Come ricostruisce il sito “gliitaliani.it”, i fatti incriminati riguardano la costruzione e l’apertura, nell’ottobre 2006, del centro commerciale “I Sanniti”. “Il patron del Palermo Calcio aveva infatti sottoscritto due accordi con il Comune di Benevento, impegnandosi a cedere all’ente un parco fluviale attrezzato, una strada a confine con il lotto commerciale e altre due opere pubbliche per un totale di circa 3 milioni di euro, in cambio delle autorizzazioni in deroga agli strumenti urbanistici. Zamparini non ha mantenuto gli impegni presi con consistente vantaggio patrimoniale per se stesso e notevoli danni per la cittadinanza”. Zamparini in passato era già stato indagato e prosciolto a Lodi per la scalata Antonveneta (appropriazione indebita pluriaggravata), e indagato e subito prosciolto per associazione mafiosa e banda armata per l’apertura dell’Ipermercato a Cinisi; di quell’indagine il procuratore capo era Pietro Grasso. Ma, è bene dirlo, in quel caso l’unica colpa del patron rosanero era stata una troppo disinvolta fiducia in chi gli proponeva affari. Coinvolto anche in un’indagine su presunti casi di corruzione a impiegati dell’ Agenzia delle Entrate della Lombardia, Zamparini è stato dunque più volte attenzionato dalla magistratura. Avrà la calamita o solo tanta sfortuna. Ma cosa c’entra Zamparini con la Procura di Palermo? Più di quanto potete pensare. Il vulcanico patron del Palermo è notoriamente grande amico dell’ex procuratore capo di Palermo e attuale procuratore nazionale antimafia Pietro Grasso – scrive la Alfano – Famose le sue scorribande nei ritiri estivi del Palermo Calcio e le gite sulla barca di Zamparini. Memorabili le sue trasferte con consorte a Praga, in Austria e in Spagna al seguito dei rosanero. E’ un reato? Assolutamente no. E’ eticamente inopportuno? Fino ad oggi no. Ma adesso che Zamparini ha sulla testa una richiesta di arresto (per il momento rifiutata ma già appellata)? Come si comporterà il più alto esponente della magistratura antimafia italiana? La truffa contro la pubblica amministrazione, la corruzione, il falso e l’abuso d’ufficio sono reati molto, molto gravi. Il procuratore saprà rinunciare alla sua più grande passione sportiva, il Palermo Calcio, e all’ebrezza delle onde siciliane?”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy