BRICHETTO: LA LETTERA AI TIFOSI ROSANERO

BRICHETTO: LA LETTERA AI TIFOSI ROSANERO

Jack Brichetto dopo quattro anni in Sicilia termina la sua avventura con la maglia del Palermo e lo fa in silenzio attraverso una lettera pubblicata sull’account ufficiale facebook del club. rosa..

Commenta per primo!

Jack Brichetto dopo quattro anni in Sicilia termina la sua avventura con la maglia del Palermo e lo fa in silenzio attraverso una lettera pubblicata sull’account ufficiale facebook del club. rosa. Mediagol.it vi riporta il testo integrale “Sarò veloce, non è un tentativo di voler apparire più importante di quello che sono stato in questi 4 anni. Ci tenevo solamente a salutare con affetto tutte le persone che hanno reso bellissimo, a livello personale, questo lungo periodo della mia vita a Palermo. Parto dai magazzinieri, Pasquale, Marcello, Gabriele e Annibale, chi lavora allo stadio, in sede, in lavanderia, gli steward della domenica, gli addetti stampa, Ale, Andrea, Fabio, i dottori, fisioterapisti, i massaggiatori, tutti i tantissimi compagni che ho avuto in queste 4 stagioni. Gente eccezionale come Live, Balza, Mattia, Igor, Noce, Cesare, Fabrizio, Giulio e tutti gli altri, dal primo all’ultimo, elencarli nome per nome sarebbe impossibile, persone con le quali ho condiviso momenti esaltanti e momenti durissimi come, purtroppo, ultimamente. Un abbraccio sincero ai miei “compagni di reparto”: Rubi, Siri, Ciccio, Alex, Vivio, Samir, Sorre: da tutti ho imparato qualcosa e con tutti loro ho condiviso le difficoltà del fare il portiere a Palermo. Grazie! Un pensiero anche ai miei allenatori: Antonello, Mario, Graziano, Mauro, Gianni e Paletta, in rigoroso ordine cronologico! Grazie anche a voi, per avermi fatto crescere e per avermi sopportato! Ringrazio infine il Presidente, e il direttore Sabatini, che mi hanno permesso di vivere per un lungo periodo una realtà e una categoria che altrimenti avrei solo probabilmente guardato alla TV. L’ultimo pensiero è tutto per la straordinaria gente di Palermo: sarebbe facile parlare dei quaranta mila di Roma, del Barbera sempre pieno dei primi anni, ma l’applauso finale della partita sciagurata contro l’Udinese, sarà una delle cose più belle che racconterò negli anni a venire. A volte si guarda all’estero per cercare esempi positivi, senza accorgersi che li abbiamo a portata di mano Siete unici e ritornerete presto nella categoria che vi compete. Con affetto” Jack

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy