Amauri: “Me ne frego di chi mi chiama traditore”

Amauri: “Me ne frego di chi mi chiama traditore”

Dal ritiro di Coverciano con la Nazionale di Cesare Prandelli, lex rosa Amauri ha risposo con fermezza alle possibili critiche di chi in Brasile potrebbe definirlo “traditore”. “Posso solo.

Commenta per primo!

Dal ritiro di Coverciano con la Nazionale di Cesare Prandelli, lex rosa Amauri ha risposo con fermezza alle possibili critiche di chi in Brasile potrebbe definirlo “traditore”. “Posso solo rispondere alle critiche dicendo che sono qui con il cuore. Non sono stato raccomandato da nessuno e non ho nulla di cui vergognarmi. La mia famiglia è felice di questa scelta, mi ha sempre appoggiato. Non credo che nessuno in Brasile mi darà del traditore e comunque se qualcuno lo farà non me ne frega nulla. Io sono cresciuto calcisticamente in Italia, sono qui da 10 anni. E se un giorno segnerò al Brasile, esulterò come contro qualsiasi avversario”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy