Accardi: “A Palermo anni meravigliosi, poi..”

Accardi: “A Palermo anni meravigliosi, poi..”

Nato e cresciuto calcisticamente nel Palermo, nel 2006 Pietro Accardi arrivò a Genova nella trattativa che portò lui, Bonanni e Terlizzi alla Sampdoria e Diana nel capoluogo siciliano..

Commenta per primo!

Nato e cresciuto calcisticamente nel Palermo, nel 2006 Pietro Accardi arrivò a Genova nella trattativa che portò lui, Bonanni e Terlizzi alla Sampdoria e Diana nel capoluogo siciliano. Da quel momento il difensore palermitano ha collezionato più di 100 presenze con la casacca blucerchiata, indossata per sei anni. Oggi Accardi è difensore dellEmpoli, ma non ha dimenticato il suo amore per Palermo e la Sampdoria. “Sono stati anni bellissimi, Palermo per me ha rappresentato un trampolino di lancio. Sono partito dal settore giovanile per poi essere protagonista della cavalcata dalla Serie C1 alla Serie A. per un palermitano non era facile trascorrere tanto tempo nella squadra della propria città, ma ci sono riuscito. Continuo a mantenere rapporti di amicizia e stima con i tifosi. Quella lunga esperienza ha marchiato la mia carriera – ha detto a SampNews24.com. Insieme a Gaetano Vasari, sono stato uno dei due giocatori palermitani che ha portato il Palermo nella massima serie A dopo trentanni. In rosanero ho trascorso dei bei momenti associati però anche a quel brutto infortunio che mi costrinse a stare un anno fermo; ho avuto un po di problemi però poi, chiaramente, furono risolti. In ogni caso, conservo un ottimo ricordo”.E sul big-match tra Palermo-Sampdoria di domenica prossima, Accardi ha risposto. “Non sarà di certo una partita semplice dato che si incontrano le due squadre del campionato attualmente più in difficoltà. Non entro nel merito di questioni tattiche o tecniche, ma a livello di punti sono quelle che in questo momento hanno più difficoltà. Ad oggi Palermo-Samp è uno scontro diretto tra due ottime squadre. Credo che domenica assisteremo ad un match molto tattico da entrambe le parti, inizialmente ci potrebbe essere la paura di scoprirsi. Entrambe le contendenti sono molto ferite e cercheranno di rompere questo trend negativo facendo risultato al Barbera”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy