Sassuolo-Palermo 0-0: il commento finale. Rosa, poca azione, pochi rischi. E Bentivegna ancora in panchina

Sassuolo-Palermo 0-0: il commento finale. Rosa, poca azione, pochi rischi. E Bentivegna ancora in panchina

Il commento finale della gara del Mapei Stadium

Commenta per primo!

di Claudio Scaglione

Scialbo e sbiadito pareggio maturato al Mapei Stadium tra Sassuolo e Palermo. Si tratta del tredicesimo pari stagionale per i rosanero che non riescono a concretizzare quanto prodotto nel corso dell’anticipo della 34esima giornata. Il punto permette ai siciliani di Iachini di andare a quota 43 in classifica.

La cronaca del primo tempo – Un po’ come accaduto contro il Torino, i rosanero provano a dare la propria impronta al match sin dai primissimi minuti. Il Sassuolo inizia a prendere le misure, ma quando Dybala e Vazquez illuminano la manovra non è semplice fermarne le avanzate. Al 10′ Vazquez lancia Dybala che guadagna il fondo e cerca sul palo opposto l’inserimento puntuale di Rigoni. La difesa neroverde risolve. Così come sbroglia la matassa al 38′ su un’azione ben orchestrata dagli ospiti. Dybala innesca col tacco Rispoli: l’ex Parma cerca Vazquez che tenta il tacco, ma Peluso gli nega la gioia del gol. Prima, invece, era toccato a Consigli sventare il pericolo: Chochev stacca sull’esordiente Fontanesi, ma trova la respinta del portiere dei padroni di casa. Pochi impegni invece per Ujkani – scelto quest’oggi in luogo di Sorrentino -. La retroguardia siciliana aiuta molto l’estremo difensore kosovaro, anche se su alcune palle inattive vi è da segnalare un atteggiamento un po’ troppo rischioso. Nessun problema tuttavia. Punteggio fisso sullo zero a zero. Squadre negli spogliatoi per un quarto d’ora.

Secondo tempo  Nella ripresa entra in campo una brutta copia del Palermo ammirato nella prima frazione. I rosa appaiono disorganizzati, pallidi e senza quel mordente intravisto precedentemente. Errori di misura, poca frizzantezza e scarsa imprevedibilità. Così a metà del secondo tempo Iachini decide di osare: fuori Chochev, dentro la terza punta … Belotti. Il ‘Gallo’ va a comporre il trio d’attacco insieme a Dybala e Franco Vazquez. A dir la verità, il copione non cambia: ritmi blandi, contenuti e gara poco divertente. Al 66′ l’occasione più pericolosa di tutto il match. Biondini trova in verticale Zaza che si beve Gonzalez e conclude col suo piede migliore, il sinistro. Ujkani è battuto, ma la palla termina di pochissimo a lato. La reazione del Palermo è affidata a un contropiede veloce. Su un cambio di gioco da sinistra a destra, Rispoli la mette in mezzo al volo: Dybala si fionda verso la sfera e si tuffa ‘a pesciolino’. Forse stacca ad occhi chiusi perché da pochissimi metri riesce a spedirla fuori. La seconda opportunità clamorosa fallita da Dybala nelle ultime due partite, se si considera il tocco difettoso sotto misura in occasione della gara col Torino. Al 70′ Beppe Iachini fa rifiatare Lazaar e inserisce Daprelà. Quindici minuti più tardi, il tecnico marchigiano ridisegna il suo scacchiere: fuori Rispoli e dentro Quaison. Lo svedese agisce da esterno destro ed è in grado di creare qualche azione degna di nota. Poi nulla più. Scialbo zero a zero. Tredicesimo pareggio stagionale dei rosanero.

E Bentivegna? – Dopo i cinque minuti disputati a Parma contro i ducali, il fantasista classe ’96 rimane in panchina per tutta la gara, per la seconda partita consecutiva. L’allenatore dei siciliani gli preferisce Belotti, Daprelà e Quaison, i tre subentrati dalla panca.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy