PAVOLETTI: “PALERMO, NON POSSO RIFIUTARE”

PAVOLETTI: “PALERMO, NON POSSO RIFIUTARE”

L’intervista al bomber cercato dal Palermo

Commenta per primo!

Intervista realizzata da Leandro Ficarra e Claudio Scaglione

La redazione di Mediagol.it ha intervistato in esclusiva l’attaccante del Sassuolo Leonardo Pavoletti, uno degli obiettivi di mercato del Palermo: il giocatore classe ’88 ha commentato l’interesse dei rosanero, elencando quelle che sono le sue doti da centravanti.

PAVOLETTI: “QUANDO SONO ENTRATO AL BARBERA…”

“All’andata fu una brutta gara, venivamo entrambe le squadre da un periodo difficile e il pari ha accontentato tutte e due. Al ritorno ci fu una bella partita, giocata a viso aperto. Il Palermo avendo grandi giocatori e un grande carattere riuscì a portarla a casa. Ricordo che fu bravo Sorrentino a neutralizzare delle belle occasioni che abbiamo avuto. Palermo è una grande piazza ed entrare la prima volta al Barbera è stata una grande emozione”.

“PALERMO NON POTREI RIFIUTARLO”

“Sapere che una squadra così importante ti cerca fa sempre molto piacere. Come potrei rifiutare una piazza del genere? Poi possono succedere mille cose, ma Palermo è sempre Palermo. Gradimento di fondo da parte mia? Ovviamente. Anche se ci sono stato poche volte la Sicilia è sempre stato un posto in cui mi sarebbe piaciuto giocare prima o poi. Vedremo il futuro cosa ci riserverà“.

“ECCO CHE ATTACCANTE SONO”

Io sono un attaccante a cui piace partecipare alla manovra? Sì, mi piace far parte del gioco, mi fa piacere giocare e aiutare i miei compagni. Non sto in campo solo per far gol ma voglio far tutto, e voglio dare tutto. Capita la volta che corri di meno e fai due gol oppure che ti sbatti per 90 minuti e non segni, ma l’impegno paga sempre sia a livello di risultati individuali che di squadra“.

“COSÌ IACHINI PUÒ ESALTARMI”

Un modulo che mi aiuta a rendere al meglio? Sicuramente sono avvantaggiato quando c’è un bel gioco sulle fasce, perché arrivano più cross in area. Però ho giocato in tutti i modi, sia a una punta, che a due che in un tridente. Cerco di adattarmi alle esigenze della squadra e cercherò di fare quello che mi chiede il futuro tecnico. Il 3-5-2 di Iachini è ideale? sì, a me piace tanto girare per il campo, però la cosa fondamentale è il gol e se arrivano più cross ci sono più possibilità di far gol. Se siamo bravi sulle fasce non può che andar bene a me“.

“IO COME LAFFERTY? VI DICO LA MIA”

“Se assomiglio a Lafferty in campo? Non ricordo, credo che all’andata non abbia giocato, mentre al ritorno mi fece una buona impressione. Io non guardo molto le altre partite, quindi mi baso su quello che vedo nelle partite della mia squadra. Ricordo che Lafferty era molto bravo coi piedi, io sicuramente sono meno bravo da questo punto di vista, ma ho sicuramente altre qualità. Io voglio migliorarmi sempre, ho rispetto di tutti, ma non ho paura di confrontarmi”.

“DICO DOVE POSSO MIGLIORARE”

Un aspetto tecnico che ritengo di dover migliorare molto? Più divento rapido, meglio stoppo il pallone e miglioro il mio tiro, più gol riuscirò a fare. Io cerco sempre di migliorarmi, anche nei miei punti di forza, per esempio sono bravino nei colpi di testa, ma non vedo perché dovrei fermarmi, bisogna sempre migliorare sotto tutti i punti di vista“.

“PALERMO? PARLATO CON LAZAAR”

Lazaar sapevamo bene anche a Varese che fosse un ottimo giocatore. Ha una qualità e una potenza fisica che in giro non si trova facilmente. Il Palermo ha fatto un grande acquisto. A noi è dispiaciuto vederlo partire, ma fa sempre piacere quando un ragazzo forte come lui trova l’occasione per andare in una piazza più ambiziosa. Con Lazaar ci siamo sentiti un po’ per sapere com’è la situazione. Lui spera che io venga a Palermo, ma non tutto dipende da me“.

“TRA BIG ROSA MI TROVEREI BENE CON…”

Con chi mi troverei meglio tra le punte del Palermo? Beh, secondo me potrei giocare con tutti per caratteristiche, ci potremmo completare bene con tutti. E’ vero che alcuni di loro sono prime punte, ma sono attaccanti diversi nel modo di giocare. A questi livelli, quando si arriva a giocare la Serie A, bisogna essere anche bravo ad adattarsi a chi ti trovi a fianco. Bisogna capire cosa vuole il mister per riuscire a rendere al meglio“.

“GIOCATORE ROSA MI HA FATTO SUDARE”

Munoz contro di me è stato veramente bravo. Diciamo che stava già facendo bene in Serie A, è un ragazzo di grande prospettiva che in Serie B è stato solo di passaggio”.

“CHIESTO LUMI SU IACHINI”

Mi hanno parlato molto bene di Iachini, è uno che vince i campionati e quando parlo con suoi ex giocatori non fanno che parlarne con entusiasmo. E’ un tecnico schietto e sincero, non so come allena, ma queste qualità bastano a me per sapere che vorrei averci un rapporto“.

“PALERMO? DECIDERÒ QUANDO…”

L’uomo di Pavoletti che tipo di sensazioni ha sul Palermo? Io sinceramente cerco di pensarci poco, perché sono giorni che devo utilizzare per rilassarmi il più possibile perché poi si riparte e sarà un campionato duro e difficile. Quello che verrà, lo accetterò. Ho un procuratore bravo, che sa fare il suo lavoro. Quando sarà il momento di decidere dirò sì o no. Posso dire poco adesso”.

“SASSUOLO, È MEGLIO DIVIDERCI”

“Rimanere al Sassuolo? E’ un posto in cui mi sono trovato bene, abbiamo vinto il campionato. Per scelte societarie non vengo reputato l’attaccante ideale, poi possono succedere mille cose, ma a questo punto le strade si devono dividere. Io dovunque vada darò sempre il 100%, però per quello che mi hanno dimostrato penso che ci sia bisogno di cambiare. Meglio aspettare e non parlare troppo per adesso, parleranno i fatti”.

“FUTURO? PER SIMPATIA POTREI PREFERIRE…”

Club italiani una priorità sull’estero? In Serie A ci sono piazze che per simpatia potrei preferire, ma non mi permetterei mai di snobbare nessuna pista, se ce ne saranno più d’una sceglierò quella che mi dà le maggiori opportunità, ma in questo momento della mia carriera non rifiuterei certo nessuna proposta nella massima serie”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy