SAMPDORIA-PALERMO, LE PAGELLE DI MEDIAGOL

SAMPDORIA-PALERMO, LE PAGELLE DI MEDIAGOL

Di Fabrizio Anselmo
.

Commenta per primo!

Di Fabrizio Anselmo

Il Palermo pareggia 1-1 con una Sampdoria nata e costruita per tutt’altri obiettivi rispetto ai rosa, ma torna a casa col rammarico per non essersi portato a casa tre punti conquistati sul campo. La rete non concessa al terra-aria di Morganella non era facile da vedere a occhio nudo, ma sarebbe bastato guardare il replay (che i telespettatori hanno visto dopo circa 15 secondi) per inserire lo svizzero nel tabellino dei marcatori. Non serve tecnologia costosissima, basta mettere i due arbitri di linea dentro uno stanzino con un televisore, e fornire la classe arbitrale della sufficiente umiltà per ammettere i propri errori. Utopia.
Adesso testa alla sfida interna di domenica col Verona per riscattare la sconfitta dell’andata.

SORRENTINO 7- oltre a salvare in un paio di circostanze delle possibili palle-gol, tiene alta la tensione della difesa che ha letteralmente paura di sbagliare per non incorrere nell’ira funesta dell’estremo difensore rosanero. Chiedere a Lazaar per conferma.

VITIELLO 6,5 partita ordinata, chiusure puntuali e nessuna velleità di costruzione del gioco. Il suo compito è tenere lontano il più possibile i palloni che transitano dalle parti di Sorrentino, e questo è quello che fa durante tutta la partita.

GONZALEZ 7 leader della difesa, supporta a turno Vitiello e Andelkovic, senza mai perdere di lucidità.

ANDELKOVIC 5,5 un detto popolare dice ‘cu mancia fà muddiche’, ma è mai possibile dover inondare il manto verde di molliche ogni qual volta lo sloveno scenda in campo?

MORGANELLA 7 altra prestazione magistrale per lo svizzero che scorazza sul versante destro macinando chilometri e cross. Il suo splendido gol mette in luce l’utilità dell’arbitro di linea, unico rimedio concreto per combattere la disoccupazione in Italia.

BOLZONI 6- in fase di impostazione sbaglia praticamente tutto, in rifinitura soffre il palleggio dei blucerchiati. Meglio nel secondo tempo.

RIGONI 6+ l’ex Chievo disputa la solita partita ordinata cercando di unire i reparti ma soffre l’assenza di Maresca. L’assist per il gol-non-gol di Morganella è suo.

BARRETO 7,5 straripante fisicamente, il capitano rosanero ringhia su tutti i palloni, cerca di innescare le punte e prova in un paio di circostanze il tiro. Moto perpetuo.

LAZAAR 6,5 ancora troppo disattento in fase di copertura, rischia di essere sotterrato da Sorrentino che lo riprende amichevolmente per la palla regalata alla Samp dentro l’area. In avanti è pungente ma temporeggia eccessivamente col pallone tra i piedi.

VAZQUEZ 7,5 Mihajlovic gli costruisce attorno una gabbia, ma l’Houdini argentino a passo di tango si libera dalle marcature e trova (quasi) sempre la giocata giusta. La rete del pari premia la sua prestazione fatta anche di sacrificio in fase di copertura.

DYBALA 7+ se non sapessimo che è impossibile, penseremmo che il suo sinistro sia dotato di un campo gravitazionale che gli consente di tenere i palloni incollati al piede. Effetti speciali al Ferraris.

IACHINI 7 nonostante l’assenza di Maresca, Iachini sceglie un centrocampo muscolare senza un vero e proprio regista in mezzo al campo. La scelta dà ragione al tecnico rosanero che si gode un secondo tempo da Liga spagnola. A fine partita il Ferraris gli concede una emozionante e romantica standing ovation per i suoi trascorsi sulla panchina della Sampdoria.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy