Napoli-Sampdoria, Giampaolo: “Azzurri più forti di noi. Il nostro rammarico…”

Napoli-Sampdoria, Giampaolo: “Azzurri più forti di noi. Il nostro rammarico…”

Il tecnico dei blucerchiati ha parlato al termine della sfida contro i partenopei

Brutta sconfitta per la Sampdoria.

Dopo la straripante vittoria ottenuta contro l’Udineseblucerchiati sono crollati in casa del Napoli, in quella che è stata l’anticipo pomeridiano della ventiduesima giornata di Serie A. Gli azzurri si sono imposti per 3 a 0 grazie ai gol di Arkadiusz Milik, Lorenzo Insigne e Simone Verdi: una giornata negativa anche per Fabio Quagliarella, che ha perso l’occasione di superare il record di gol consecutivi condiviso con Gabriel Omar Batistuta.

Al termine della sfida il tecnico del club ligure, Marco Giampaolo, ha parlato ai microfoni di Sky Sport, rilasciando le seguenti dichiarazioni: “Avessimo realizzato una rete avremmo potuto impensierire di più il Napoli e farlo arrivare con il fiato corto. Ma nulla da eccepire, il Napoli è più forte e a noi non cambia niente. Il Napoli è stato bravissimo a sfruttare le occasioni sui nostri errori di posizionamento e di uscita. Abbiamo commesso qualche errore nell’andare a prenderli dall’altro lato, abbiamo qualche responsabilità, questa settimana non siamo riusciti a lavorare su determinate cose. Ma pazienza, andiamo avanti. Saponara mezzala? Ci ho provato ad Empoli. E’ troppo un giocatore offensivo per dargli la responsabilità tattica della mezzala. Anche oggi abbiamo dovuto giocare con Linetty mezzo destro. E’ una forzatura Saponara mezzala, ma si può fare se devi recuperare. Il rammarico è non essere riusciti a buttarla dentro per riaprirla. Fossimo riusciti a capitalizzare un paio di situazioni pericolose…“.

Infine un commento sul possibile addio di Marek Hamsik, destinato a lasciare il Napoli per trasferirsi in Cina: “Hamsik-Cina? Ha aggiunto tanta qualità al gioco del Napoli, arriva anche il momento in cui si possono prendere altre decisioni“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy