Roma, De Rossi: “Non avrei firmato il rinnovo. Ecco cosa manca per raggiungere la Juve”

Roma, De Rossi: “Non avrei firmato il rinnovo. Ecco cosa manca per raggiungere la Juve”

Le parole di capitan De Rossi in casa Roma.

Commenta per primo!

“Sono contento, anche perché non avrei firmato. Parliamo da parecchio, è stato un periodo lungo, ho pensato a tante cose, a cosa significava rimanere ancora qui a Roma e abbiamo preso questa decisione“.

Queste le prime parole dopo il rinnovo odierno di Daniele De Rossi. “Sono contento che anche la società sia stata sempre molto ferma, molto felice, soprattutto da quando è arrivato Monchi, nel volermi tenere fortemente”, ha aggiunto il nuovo capitano della Roma dopo il ritiro di Francesco Totti.

“Hanno colpito molto le mie lacrime per l’addio di Totti? L’emozione è riferito solo a quello, fare il capitano o non farlo non è un discorso di testimone. È un amico che mancherà e mi mancherà nel post partita, va via un mio amico, un mio compagno. L’ho spiegato anche nel postpartita, a Cassetti, Perrotta e Tonetto facemmo dei video di saluto e mi misi a piangere. Senza fare tragedie perché non è morto ma è una cosa che mi dispiace. Chi ha giocato a calcio lo sa”, ha aggiunto De Rossi. “Quanto manca per raggiungere la Juve? Mancano quattro punti e bisognerebbe leggerli e capire quanto sia la differenza vera. La Juve ha gestito un po’ il vantaggio. Manca un po’, se non li raggiungi mai per poco, vuol dire che manca tanto. Siamo qui a lavorare per consolidare questo secondo posto difficile da raggiungere e per sperare di fare sempre di più. Siamo abituati a fare proclami e non mantenerli, bisogna parlare poco e lavorare in modo serio, aiutare il nuovo allenatore e fare una stagione sulla falsariga di quella di quest’anno”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy