Juventus-CR7, Manolas sfida Cristiano: “Non sono preoccupato, sarà il campo a dire chi è il più forte…”

Juventus-CR7, Manolas sfida Cristiano: “Non sono preoccupato, sarà il campo a dire chi è il più forte…”

Le parole del difensore giallorosso in merito all’acquisto da parte della Juventus della stella portoghese

Kostas Manolas non pone in primo piano l’acquisto da parte della Juventus di Cristiano Ronaldo.

Il difensore della Roma, ai microfoni di Sky Sport, ha tessuto le lodi del campione lusitano ammettendo però che sarà il campo a dare il giudizio definitivo.

“Non sono preoccupato, sarà il campo a dire chi sarà più forte tra noi e i bianconeri. Hanno una rosa forte e competitiva ma devono dimostrarlo di partita in partita. Noi dobbiamo fare il nostro lavoro e dare il massimo. CR7 è tra i migliori al mondo, lui e Messi hanno vinto cinque Palloni d’Oro e hanno fatto più di cento gol in Champions. Ronaldo è un giocatore di altissimo livello ma noi non dobbiamo avere paura di nessuno. Chi è più veloce? Sono pronto a sfidarlo, vediamo in campo chi lo sarà”. 

Il centrale difensivo greco è poi tornato sulla fantastica notte dell’Olimpico quando un suo gol ha permesso ai giallorossi di eliminare il Barcellona dalla Champions League.

“La serata in cui abbiamo battuto il Barcellona ci ha confermato che siamo una squadra forte, è andato via Nainggolan ma siamo rimasti quasi gli stessi. Siamo pronti e sono convinto che possiamo fare meglio dell’anno scorso. Il gol con il Barça è stato il momento più bello della mia carriera. Il mio futuro? Sono felice a Roma e voglio rimanere qui, ho quattro anni di contratto e voglio dare il massimo per questa squadra. Speriamo rimanga anche Alisson, è un giocatore di altissimo livello e ci ha aiutato molto l’anno scorso. Speriamo di averlo a disposizione anche quest’anno. Obiettivi? Fare il massimo e dare tutto in campo per dare soddisfazioni al nostro pubblico. Finale di Champions League? Magari, lo spero davvero tanto”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy