Mediagol nelle scuole di Palermo: parola agli studenti che tifano rosanero

Mediagol nelle scuole di Palermo: parola agli studenti che tifano rosanero

Sono sempre di più i giovani studenti delle scuole superiori che mostrano orgogliosamente il loro amore per il Palermo Calcio. Mediagol ha raccolto i loro pensieri sulla squadra del cuore attraverso le interviste di Francesco Gebbia. Dal Don Bosco al Garibaldi, ecco il nostro viaggio settimanale negli istituti di Palermo.

Commenta per primo!

Rosa incompleta, ma con un allenatore emergente e con voglia di fare. Sono unanimi i giudizi da parte dei giovani tifosi rosanero “interrogati” da Mediagol su questo inizio di stagione travagliato che ha riservato anche parecchie sorprese positive. Di seguito le opinioni raccolte in giro per le scuole di Palermo.

Alessandro Gianferrara
Alessandro Gianferrara

DON BOSCO RANCHIBILE – “De Zerbi viene da una sola esperienza in Lega Pro – commenta Alessandro Gianferrara, studente al Liceo Scientifico Don Bosco – e quindi, considerando l’organico che ha a disposizione, povero di una punta forte e di un portiere esperto da affiancare a Posavec, sta facendo molto bene e sembra stia dando un’ottima impronta alla squadra. A livello societario, spero in un possibile avvento dei cinesi perché oramai Zamparini ha fatto il suo tempo”.

Gianluca Gangi
Gianluca Gangi

LINGUISTICO NINNI CASSARA’ – È meno contento dell’allenatore, invece, Gianluca Gangi, che frequenta il Liceo Linguistico Ninni Cassarà: “Si sta dimostrando un buon mister perché, considerando la giovane età e il fatto che è arrivato da poco, ha già dato un’organizzazione alla squadra, anche se avrei preferito di gran lunga la permanenza di Ballardini. Con questa rosa si può raggiungere la salvezza ma ci sarà da lottare. Del nuovo corso mi piace molto Posavec e lo ritengo un degno erede di Sorrentino”.

Ruggero Mannino
Ruggero Mannino

CLASSICO DI RUDINI’ – Anche Ruggero Mannino, studente al Liceo Classico Antonio Di Rudinì, è soddisfatto di De Zerbi: “Per me sta facendo anche meglio di Guidolin e Rossi, può diventare il migliore dell’era Zamparini”. Il giovane tifoso commenta anche i nuovi acquisti: “Mi hanno colpito molto Posavec, Aleesami, Bruno Henrique e Nestorovski. Per quanto riguarda la società, sono molto scettico sui cinesi perché l’esperienza del Milan non mi fa ben pensare. Avrei puntato decisamente su Frank Cascio”.

Pietro Urso Russo
Pietro Urso Russo

IPSSAR PAOLO BORSELLINO – Ancora opinioni positive sul tecnico da parte di Pietro Urso Russo, al terzo anno dell’IPSSAR Paolo Borsellino: “Mi è subito piaciuto il fatto che, con il suo gioco, la squadra riesce sempre a competere anche contro club di primissima fascia. Per me manca un attaccante forte che possa garantire perlomeno una quindicina di gol. Dei nuovi ho apprezzato molto Posavec, Aleesami e lo stesso Nestorovski, che ha dei limiti ma, se gli arriva la palla giusta, la butta dentro. Riguardo alla società, invece, no comment. Spero solo che i cinesi non siano un altro pacco di Zamparini”.

Riccardo Minafò
Riccardo Minafò

CLASSICO GARIBALDI – Più pessimista, invece, Riccardo Minafò, che studia al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi. “Su De Zerbi il mio commento è solo positivo, penso sia maturo per la categoria e, forse, anche per squadre più blasonate del Palermo. Ma, a mio parere, è l’organico ad essere inadeguato: manca una punta di esperienza e ci sono troppi giovani ancora acerbi. Il Palermo e noi tifosi abbiamo assolutamente bisogno di una nuova dirigenza, dato che Zamparini ha ormai stancato tutti“.

Gianluca Cocco
Gianluca Cocco

ITC PARETO – Gianluca Cocco, che frequenta l’ITC Vilfredo Pareto, pensa che, comunque, il Palermo possa dire la propria in Serie A: “Mi piace molto il mister e il gioco che sta conferendo alla squadra. Non mi sembra ancora maturo, ma ha ottimi margini di miglioramento. Sicuramente all’organico manca qualcosa – spiega Cocco – soprattutto una punta di esperienza, anche se Nestorovski sta facendo il suo. Fra i nuovi acquisti mi hanno colpito tanto Aleesami e Bruno Henrique e penso che in futuro possano diventare ottimi giocatori“.

Francesco Gebbia

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy