IL GIOCATTOLO SI E ROTTO UFFICIALE: ZAMPARINI CACCIA ROSSI, IL NUOVO ALLENATORE E SERSE COSMI

IL GIOCATTOLO SI E ROTTO UFFICIALE: ZAMPARINI CACCIA ROSSI, IL NUOVO ALLENATORE E SERSE COSMI

Questa notte il presidente Maurizio Zamparini non ha sognato la Madonna. Il patron rosanero domenica aveva detto che soltanto una sua apparizione avrebbe potuto salvare Delio Rossi dallesonero. Anche.

Commenta per primo!

Questa notte il presidente Maurizio Zamparini non ha sognato la Madonna. Il patron rosanero domenica aveva detto che soltanto una sua apparizione avrebbe potuto salvare Delio Rossi dallesonero. Anche se aveva ammesso con una certa ironia: “Credo però che sarà difficile…”. Infatti, alle 17.10 di oggi è arrivata lufficialità: “ROSSI SOLLEVATO DALLINCARICO”. Il giocattolo si è rotto. Si ricomincia da capo, come al solito, come Zamparini è abituato a fare da sempre. Cosa significa “Progetto Palermo”? Ce lo siamo chiesti tante volte e torniamo a chiedervelo oggi. Forse vuol dire soltanto “Zamparini” e stop. In questi anni sono passati dal capoluogo siciliano diversi allenatori e giocatori, molti di loro hanno mostrato qualità e voglia di portare avanti un progetto, ma si è sempre arenato tutto, sono andati via (salvo poi essere rimpianti e riempiti delogi, gli ultimi casi sono quelli di Guidolin e Cavani). Il Palermo è lunico club di Serie A senza un direttore sportivo, Walter Sabatini aveva capito tutto in anticipo e ha preferito andare via. Probabilmente andranno via molti dei giocatori più rappresentativi di questa squadra come capita spesso quando quella di un dignitoso stipendio non è la motivazione principale per cui restare in un club senza ambizioni. Si, perché il Palermo dimostra con i fatti di essere un club senza ambizioni. Le ambizioni e i sogni restano nei desideri solo dei tifosi, ma non trovano un appiglio nei calcoli meticolosi e pignoli del presidente Maurizio Zamparini. La piazza non è stata ascoltata. Ancora una volta. Ignorate tutte le speranze della maggior parte dei tifosi che in Delio Rossi vedevano luomo dal profilo basso con il quale poter costruire qualcosa e vincere. Sicuramente le colpe sono anche dellallenatore, ma secondo la “voce del popolo” il responsabile principale della crisi del Palermo non è Rossi, ma Zamparini al quale viene rimproverato di non aver dato al suo allenatore gli uomini richiesti per competere con le grandi squadre e di tenere un atteggiamento provocatorio e destabilizzante nei confronti di Rossi e dei giocatori. Uno stillicidio con un epilogo annunciato da tempo. Adesso la squadra, ancora sotto shock per i sette gol subiti in casa dallUdinese sarà affidata a Serse Cosmi. Sarà un traghettatore, con lopzione dellincertezza. Nel senso che il contratto del neo allenatore prevede per adesso di portare a termine la stagione e poi a fine anno si valuterà in base ai risultati. Se Zamparini non sarà soddisfatto si cambierà ancora, per buona pace di chi chiede una sola cosa: un progetto chiaro e serio.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy