PRESS ROOM ROSANERO PINILLA:”TANTI INFORTUNI, MA SONO FIDUCIOSO. A PARMA PER SALTO DI QUALITA”

PRESS ROOM ROSANERO PINILLA:”TANTI INFORTUNI, MA SONO FIDUCIOSO. A PARMA PER SALTO DI QUALITA”

Uno dei punti di riferimento dentro e fuori dal campo per il gruppo rosanero, Mauricio Pinilla, parla del momento vissuto dalla squadra. Oltre, ovviamente, al quadro generale delle sua condizioni.

Commenta per primo!

Uno dei punti di riferimento dentro e fuori dal campo per il gruppo rosanero, Mauricio Pinilla, parla del momento vissuto dalla squadra. Oltre, ovviamente, al quadro generale delle sua condizioni fisiche, tassello, troppo spesso fuori posto, della sua carriera. di Alessandro Castellese I mezzi tecnici e atletici di questo possente centravanti non si discutono. Eppure la carriera di Pinilla è da sempre falcidiata da una serie notevole di infortuni. Il numero 51 rosanero, adesso, è alle prese con la guarigione dall’ultimo problema che, nelle ultime settimane, ne ha pregiudicato l’utilizzo da parte di Mangia. “Sto lavorando molto forte sullo stato fisico più che altro. Non sono ancora al top, dato che sono rimasto 25 giorni fermo. Ho lavorato molto bene in queste tre settimane, quindi spero di arrivare alla prossima partita almeno all80%. Domenica – prosegue Pinilla – difficilmente sarei potuto partire titolare, non avevo sulle gambe 70 minuti, spero, però, che col lavoro fatto questa settimana, dche a Parma riuscirò a essere disponibile sin dal primo minuto”. Oltre ad essere un punto di riferimento per i compagni, il centravanti cileno è uno dei giocatori più amati dalla tifoseria. Probabilmente, oltre che per le sue oggettive qualità tecniche, anche per l’impegno e la grinta mostrate durante ogni gara giocata. Da vero pilastro della squadra, Pinilla affronta l’argomento trasferte. “Siamo consapevoli che nelle ultime trasferte non abbiamo raccolto punti. E domenica sera a Parma vogliamo ottenere un risultato positivo per dimostrare di poter lottare per le prime posizioni della classifica”. Il numero 51 di Mangia continua, quindi, ad analizzare le gare esterne. Da un lato con un occhio al passato e dall’altro con la determinazione necessaria per guardare al futuro con la giusta fiducia. “Secondo me se riusciamo a fare il nostro calcio anche in trasferta allora possiamo davvero arrivare lontano. In questi mesi, in occasione delle gare esterne, abbiamo affrontato sempre grandi squadre, ma, risultati a parte, abbiamo fatto sempre buone partite. E’ difficile dare delle motivazioni a questo evidente calo esterno, anche noi ce lo chiediamo. Cercheremo di fare il salto di qualità a Parma. Adesso non devo parlare di obiettivi, voglio solo stare bene e giocare, a fine stagione vedremo. Sono molto fiducioso”. Il suo rapporto con il calcio è particolare. Una passione sfrenata, affiancata da grandi mezzi, tecnici e atletici, spesso, però, frenata da troppi infortuni. Un limite che a volte gli impedisce di rendere con continuità, come lui stesso vorrebbe. “Certo è difficile stare tranquillo e sereno quando ti capitano tutti questi infortuni, poi specialmente quando sei nei momenti migliori. Se sarò in forma continuerò a fare vedere quello di cui sono capace, insieme a tutto ciò che posso dare a questa squadra”. In relazione all’ultimo periodo e alla conseguente possibilità di ulteriori rinforzi in attacco, aggiunge: “Ho avuto problemi alla gamba, a livello sciatico, per questo motivo non riuscivo a giocare con normalità. Comprare qualcosa in attacco? Secondo me se ne parla soprattutto perché è capitato che ci siamo fatti male contemporaneamente (riferendosi anchge a Miccoli ed Hernandez, ndr). Però penso che se stiamo tutti e tre in forma se si porta altra gente qua non sarà semplice trovare spazio, è capitato anche gli altri anni. Certo saranno i benvenuti, si cercherà di farli inserire al più presto come sempre”. Nessun gol in trasferta, un solo punto conquistato. A Parma è ora di invertire la rotta. “Il Parma si vorrà rifare in casa, dopo le due sconfitte di questi giorni. Per noi sarà un match delicato, dato che cercheranno di ottenere i tre punti per placare il malumore dei loro tifosi. Penso, quindi, che sarà dura, ma anche noi teniamo tanto a questa partita e sarà una gara difficile per entrambe le squadre”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy