PRESS ROOM ROSANERO MUTTI: “RACCOGLIAMO LE FORZE E ANDIAMO AVANTIOBIETTIVO? PORTARE A CASA PIÙ PUNTI POSSIBILE”

PRESS ROOM ROSANERO MUTTI: “RACCOGLIAMO LE FORZE E ANDIAMO AVANTIOBIETTIVO? PORTARE A CASA PIÙ PUNTI POSSIBILE”

Trasferta in terra romagnola per i rosa. La sfida contro il Cesena rappresenta per il gruppo di Bortolo Mutti l’inizio della volata finale. Il tutto con un derby di Sicilia dietro l’angolo..

Commenta per primo!

Trasferta in terra romagnola per i rosa. La sfida contro il Cesena rappresenta per il gruppo di Bortolo Mutti l’inizio della volata finale. Il tutto con un derby di Sicilia dietro l’angolo. di Alessandro Castellese Questa sarà la prima giornata che il mondo del calcio affronta dalla tragica scomparsa del centrocampista del Livorno, Piermario Morosini. Un tristissimo evento che ha commosso il gruppo rosanero, tecnico in primis. “Ho seguito i funerali, è stato un momento di grande commozione in virtù di quello che è successo, una cerimonia piuttosto semplice, ma molto commovente. Purtroppo bisogna ricominciare. Ecco io vorrei che questo ragazzo fosse un esempio per tanti giovani e che fosse un punto di riferimento”. Come sostenuto dal tecnico rosanero, ripartire è d’obbligo, anche se non semplice. Il calendario per il Palermo, viste le date della trentatreesima e trentaquattresima, in teoria potrebbe esser cambiato davvero poco. In realtà, però, giocare una sfida interna, quella col Parma, subito prima del derby, potrebbe fornire lo slancio necessario per giocare un grande incontro (uno dei più attesi degli ultimi anni) contro i cugini etnei. “Se questa inversione comporterà cambiamenti lo vedremo più in là. Comunque abbiamo gestito il lavoro con grande tranquillità, ora, però, ci aspetta un carico di partite che ci porterà ad affrontare quattro sfide in dieci giorni. Tocca a noi, come a tutte le altre squadre di A, trovare le energie e raccogliere le forze”. Sul turno casalingo subito prima del derby aggiunge: “Sfrutteremo il doppio turno in casa per vedere cosa può dare questa squadra e alcuni giocatori. Il presente, però, è la prossima partita, quindi andiamo a Cesena consapevoli di essere un buon gruppO”. Saranno quattro i titolari assenti, Balzaretti, Migliaccio, Barreto e Ilicic. Per Mutti non sarà semplice affrontare anche questa trasferta, ma il 3-5-2 che il tecnico lombardo dovrebbe schierare in Romagna, dovrebbe prevedere un rientro tanto atteso: quello di Silvestre. “Il suo recupero è stato sofferto, ma completato. Purtroppo si è fermato Balzaretti a cui si aggiungono i vari Aguirregaray, Barreto, Migliaccio e Pisano. Stiamo lavorando anche per uscire dallemergenza e in settimana abbiamo provato anche la difesa a quattro, che potrebbe garantirci in alcune occasioni un’importante opzione di gioco, se per necessità dovessimo cambiare”. Quindi Mutti scende nel particolare circa l’impiego di Eros Pisano: “L’ho convocato perché non abbiamo nessun esterno, magari per un’emergenza può esserci utile. Farà una verifica con i preparatori e decideremo come e se utilizzarlo”. È arrivato il momento di Vazquez? Per l’argentino il periodo di rodaggio sembra essere finito ed il suo momento è alle porte. Fra l’altro, Mutti ha più volte fatto capire di vederlo molto bene anche come mezz’ala o uno dei tre centrocampisti centrali del 3-5-2. Un pensiero senza dubbio corretto, soprattutto vista la latitanza di qualità pura al fianco di Donati. Insieme a Bertolo, infatti, potrebbe far aumentare il tasso tecnico della linea mediana, elemento fondamentale ancor di più in trasferta. “Vazquez può essere utile, lui come gli altri, ha la possibilità di dimostrare il suo valore, anche perché manca per squalifica Ilicic. Può essere il suo momento, ma Acquah e Bacinovic stanno abbastanza bene e sono pronti. Io penso che questa sua esperienza in Italia gli stia facendo bene. Sicuramente è stata una situazione diversa, il campo può essergli daiuto”. Quanto è cambiato (in meglio) l’argentino dal suo arrivo? “Mi sembra un Vazquez migliore, più solido anche a livello caratteriale e in settimana mi è piaciuto”. Il corso delle indagini sul calcioscommesse potrebbe aprire scenari inattesi. Eventuali penalizzazioni potrebbero mutare la classifica, ed una società pulitissima come quella rosanero, che non verrà sfiorata da eventuali provvedimenti, ha l’obbligo di far più punti possibili, per scalare posizioni e farsi trovar pronta in caso di cambiamenti lì in alto. “Non siamo una squadra da trasferta, ma ormai non è più facile fare risultato con noi. Dobbiamo avere la giusta mentalità, giocando con la consapevolezza adeguata dei nostri mezzi. Di fronte avremo una squadra che viene da quattro pareggi di fila e che vorrà tornare alla vittoria. Noi, però, nello stesso tempo , vogliamo fare bene”. Sulle possibili evoluzioni della classifica: “Si sta ampliano un discorso, quello delle scommesse, per cui non saprei dire come potrebbe finire e come la giustizia potrebbe trovare sentenze nel breve termine. Le penalizzazioni potranno influire in qualche modo sul campionato, ma non so come potrebbe finire”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy