PRESS ROOM ROSANERO MUTTI: “A LECCE SFIDA IMPORTANTE E DELICATA…COL GIUSTO ATTEGGIAMENTO POTREMO CRESCERE”

PRESS ROOM ROSANERO MUTTI: “A LECCE SFIDA IMPORTANTE E DELICATA…COL GIUSTO ATTEGGIAMENTO POTREMO CRESCERE”

Tra assenze e risultati negativi, Lecce-Palermo arriva in un momento particolare. Per Bortolo Mutti, tecnico rosanero, le assenze possono diventare “occasioni” e l’emergenza.

Commenta per primo!

Tra assenze e risultati negativi, Lecce-Palermo arriva in un momento particolare. Per Bortolo Mutti, tecnico rosanero, le assenze possono diventare “occasioni” e l’emergenza “motivazione”. di Alessandro Castellese Il periodo vissuto dalla tifoseria rosa, diciamocelo pure, non è dei migliori. L’entusiasmo attorno alla squadra è probabilmente ai minimi storici da quando il Palermo è tornato in A. “L’importante è rimanere nella massima serie, ricordiamoci le sfide e gli anni di C1”, dirà qualcuno. Verissimo, eppure, se tutto deve essere relazionato al presente, tanti anni di anonimato non possono impedire alla gente di sognare un grande Palermo. Così come è stato per lunghi tratti della gestione Zamparini. Adesso, tornando all’immediato presente, per la formazione di Mutti arriva una sfida particolare, quella contro il Lecce, che, senza dubbio, riserverà non poche insidie. “Le assenze ci sono e dovremo affrontarle, anche se forse sono state amplificate. In ogni caso la mancata presenza di qualcuno può diventare occasione per chi ha giocato meno. Quella di Lecce sarà una sfida importante anche per questo”. A precisa domanda, il tecnico del Palermo, non ritiene questa sfida decisiva per la sua panchina: “Sento dire questa cosa da 3-4 partite, ma io sono molto sereno. Sicuramente per noi sarà un impegno delicato, contro una formazione che, in relazione ai propri giocatori, ha trovato un’ottima quadratura”. Si tratta davvero di una sfida salvezza? La risposta di Mutti lascia intendere, che per il Palermo centrare quota 40 punti, è davvero una priorità. “Sapevamo che il nostro girone di ritorno avrebbe presentato delle insidie, ma la gara di Lecce può permetterci di avvicinarci al nostro obiettivo, i 40 punti”. Che tipo di avversario è il Lecce? Per Mutti si tratta di una formazione con un ottimo mix fra giovani e giocatori esperti. Proprio quello che ci vuole per centrare la salvezza. “Dobbiamo avere un atteggiamento diverso, che ci consenta di migliorare il passo in trasferta. Non sarà semplice contro una squadra che dispone di giocatori tecnici e veloci, soprattutto in avanti, oltre che diversi elementi di esperienza, fondamentali per squadre che lottano per la permanenza in A”. Tanti assenti, il Palermo che i tifosi vedranno a Lecce, sicuramente, sarà diverso rispetto alle ultime uscite. “Le assenze a centrocampo non consentono di spostare Migliaccio in difesa e allo stesso tempo per noi Munoz può rappresentare, se gioca con l’entusiasmo di cui gli ho parlato, un punto di forza. Silvestre ha provato per cercare di esserci, ma non abbiamo avuto esito positivo”. In avanti ci sarà il doppio rifinitore o le ormai consolidate due punte? “Non conta la tipologia di schieramento, a due punte o una sola, ma l’atteggiamento. In quest’ottica mi auguro che Hernandez, dopo due settimane di ottimo lavoro, possa giocare una buona partita. Budan potrebbe essere della partita, vedremo…”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy