PRESS ROOM ROSANERO MANTOVANI: “ECCO COME E CAMBIATA MIA STAGIONE…SONO DUTTILE, MA NASCO DIFENSORE CENTRALE”

PRESS ROOM ROSANERO MANTOVANI: “ECCO COME E CAMBIATA MIA STAGIONE…SONO DUTTILE, MA NASCO DIFENSORE CENTRALE”

E’ passato in pochi giorni da vice Balzaretti a centrale titolare al fianco di Silvestre. Per Andrea Mantovani sembra proprio che sia iniziata una nuova stagione. di Alessandro Castellese .

Commenta per primo!

E’ passato in pochi giorni da vice Balzaretti a centrale titolare al fianco di Silvestre. Per Andrea Mantovani sembra proprio che sia iniziata una nuova stagione. di Alessandro Castellese Eppure l’inizio dell’avventura a Palermo non è stato dei più felici. Tanti cambiamenti in casa rosanero, che hanno influenzato anche il cammino dell’ex difensore del Chievo. “Ero arrivato con certe aspettative, poi abbiamo visto tutti cosa è successo, le dinamiche che si sono create. Non penso che sia stato demerito mio perché non ho avuto grandi possibilità di mettermi in mostra e in allenamento o nei pochi minuti giocati sono stato allaltezza delle aspettative. Sono stati mesi difficili, ho tenuto duro, mi sono allenato sempre bene e mi sono fatto trovare pronto quando ho avuto loccasione di giocare”. Un nuovo cambiamento ha stravolto le carte in tavola. Per Mutti Mantovani non è mai stato cedibile, come provato dallo schieramento proposto contro il Genoa. Potrebbe aver rappresentato davvero la svolta. “Il cambio di allenatore mi ha fatto rivedere un po i piani. In base a quanto detto con la società, cambiare aria era forse la soluzione migliore”. Con Mutti cambia tutto: “E’ normale che avendo ricevuto una considerazione diversa, oltre che la prova concreta di tutto cio’, venendo schierato in campo, ho riveduto i piani”. Mantovani si è imposto nel Chievo come esterno basso, eppure nasce centrale. E’ proprio quello il ruolo che gli ha consentito di far strada durante il periodo iniziale della sua carriera. Ancora una volta, quella posizione potrebbe consentirgli di ottenere ciò che vuole. “Nasco come difensore centrale. Ho giocato come terzino negli ultimi anni, ma di certo non ho dimenticato la mia natura”. Col Genoa, insieme a Silvestre, è riuscito anche a trovare il gol. Una rete “fatta in casa”. “Il gol contro il Genoa è stata una grande soddisfazione, abbiamo passato momenti difficili. Dedico questa rete alla mia famiglia, a mia moglie che aspetta una bambina e a mio figlio di tre anni. Proprio pochi giorni prima della partita mi aveva chiesto di segnare un gol”. Il mercato sta cambiando volto alla squadra, soprattutto in relazione alle cessioni. La società sta sfoltendo la rosa, ma per Mantovani, la dirigenza conosce bene la strada che ha iniziato a percorrere. “La società saprà eventualmente come operare, se riterrà davvero che la rosa ha qualche lacuna. Ricordo, però, che ad esempio in avanti stanno per rientrare Zahavi ed Hernandez. Difesa? Penso che Cetto abbia fatto delle valutazioni con la società, scegliendo di tornare in Francia. Migliaccio è un difensore titolare alloccorrenza, ha dimostrato il suo valore, senza dimenticare gli altri centrali: tutti affidabili e di livello”. Grande attenzione alla sfida interna col Novara. Il risultato sarà importante anche in relazione a quanto fatto contro il Genoa. “Questa partita ci darà loccasione per consolidare quanto fatto col Genoa. Non dobbiamo assolutamente sottovalutare questo impegno, che ci vedrà affrontare una formazione molto organizzata, con un buon attacco e individualità importanti”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy