PRESS ROOM ROSANERO DONATI: “SONO QUI PER TORNARE GRANDE. IN MEZZO PREFERISCO FARE IL REGISTA ANCHE SE…”

PRESS ROOM ROSANERO DONATI: “SONO QUI PER TORNARE GRANDE. IN MEZZO PREFERISCO FARE IL REGISTA ANCHE SE…”

Ecco un acquisto, arrivato tra lo scetticismo generale, che, invece, potrebbe sorprendere tutti i tifosi rosanero. Scopriamo insieme quali sono le prime sensazioni del nuovo centrocampista del.

Commenta per primo!

Ecco un acquisto, arrivato tra lo scetticismo generale, che, invece, potrebbe sorprendere tutti i tifosi rosanero. Scopriamo insieme quali sono le prime sensazioni del nuovo centrocampista del Palermo, Massimo Donati. di Alessandro Castellese Il suo approdo in rosa non è di certo casuale. Il suo nome venne già accostato al Palermo quando vestiva la maglia dei Celtic. Per di più, oggi Donati ritrova un tecnico con il quale, negli anni, ha costruito un legame speciale. “Conosco Mutti da molto tempo. Quando allenava l’Atalanta io avevo 17 anni e spesso venivo aggregato alla prima squadra. Poi a Messina abbiamo fatto grandi cose, centrando un ottavo posto storico, con una squadra di certo meno forte di quella che trovo oggi qui a Palermo”. Le sue parole ricordano molto quelle di Viviano. C’è tanta voglia di tornare ad essere un grande calciatore, con una maglia che, per Donati, sembra essere proprio quella giusta. “In estate a Bari c’era aria di smobilitazione. Quando arrivò il nuovo allenatore Torrente, senza neanche conoscermi, mi disse che sarei stato capitano e leader della squadra. Per questo non ho voluto lasciare Bari in quel momento, avrei tradito la sua fiducia. Arrivare adesso in una squadra prestigiosa come il Palermo è una grande opportunità. Devo fare il massimo per riportare il Palermo nelle posizioni che gli competono, ovvero tra le prime 6-7 del campionato”. In questi giorni si parla molto di regista. I tifosi lo chiedono a gran voce e la società continua a cercarlo. Eppure, su nostra precisa domanda, Donati afferma di poter essere proprio lui a rivestire questo ruolo. “Negli anni, sino a Bari, ho giocato sia davanti alla difesa, sia come mezz’ala. Posso fare entrambe le cose e l’una non esclude l’altra. Non sono né un regista puro, né una mezz’ala pura: ovvero, non sono un giocatore che sa ricoprire un ruolo e basta. Se, però, devo esprimere una preferenza, penso proprio che in questo momento, è il ruolo di regista al centro del centrocampo, quello che posso svolgere nel modo migliore”. Prima da spettatore, adesso come “recente” diretto interessato, l’ex giocatore del Milan parla della sua nuova squadra. Un gruppo che, secondo lui, da un lato ha grandissima voglia di tornare a fare ciò che sa e dall’altro grande bisogno di ritrovare fiducia. “Il Palermo negli ultimi anni ha fatto grandi cose e solo quest’anno sta trovando delle difficoltà. Basta solo ritrovare un po’ di fiducia e per farlo servono uno-due risultati di fila. Di questo ne sono certo”. Come sta vivendo questo momento il Palermo? Che aria tira all’interno del gruppo? “Ho trovato una squadra che vuole ritrovarsi a tutti i costi. Reagire per tornare ai livelli esatti per un club come questo. Io dal canto mio ho tantissima voglia di fare tutto ciò e cercherò di trasmetterla a tutto il gruppo, a partire da domenica. Sarà il mister a decidere se impiegarmi o meno, ma credetemi, ho una voglia immensa di giocare con questa maglia”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy