PRESS ROOM ROSANERO ALVAREZ: “PRIMA UNA MAGLIA DA TITOLARE…POI A MILANO PER VINCERE”

PRESS ROOM ROSANERO ALVAREZ: “PRIMA UNA MAGLIA DA TITOLARE…POI A MILANO PER VINCERE”

Nel corso della sua carriera è sempre stato famoso per la sua velocità, secondo fonti non ufficiali ed il diretto interessato, sarebbe in grado di abbattere, sui 100 metri, il muro.

Commenta per primo!

Nel corso della sua carriera è sempre stato famoso per la sua velocità, secondo fonti non ufficiali ed il diretto interessato, sarebbe in grado di abbattere, sui 100 metri, il muro degli 11 secondi. Eppure la sua assenza in queste settimane si è fatta sentire anche per l’importanza tattica che riveste nello scacchiere di Mangia. di Alessandro Castellese Ritrovare un posto da titolare, però, non sarà semplice. Ilicic sta pian piano recuperando, Bertolo e Zahavi hanno fatto bene, sfruttando le occasioni concesse loro da Mangia. Per Alvarez, quindi, dopo l’infortunio di Bergamo, è il momento di darci dentro per ritrovare una maglia da titolare. “Ho fatto il primo allenamento con la squadra ieri e non ho avuto nessuna sensazione negativa, quindi si può dire che ho lasciato l’infortunio alle spalle. Giochiamo sempre allo stesso modo, però è ovvio che il Palermo non è una squadra in cui è facile mantenere un posto da titolare. Ci sono tanti compagni bravi e come prima dellinfortunio dovrò lottare per un posto”. Il primo impegno dopo il suo ritorno in gruppo non è certo come tanti altri. Affrontare il Milan è da stimolo per tutte le squadre, ancor di più per un club come il Palermo che in questi anni ha sempre recitato il ruolo di “bestia nera” dei rossoneri. “Lo stadio e lambiente di Milano sono stimolanti, il Milan è una grande squadra, vogliamo sicuramente fare bene”. In relazione al momento vissuto dal gruppo e dalle possibili prospettive legate alla classifica, l’ex Bari ha aggiunto: “Il gruppo ha deciso che ogni partita può essere importante per noi, dobbiamo arrivare con lapproccio giusto e fare buone prestazioni. Se arrivano queste, arrivano i risultati”. Per un ragazzo come lui, che nel corso della carriera ha dovuto a volte avere il coraggio di ripartire anche dalla serie B, Palermo non può essere una piazza come altre. Dal suo tono e dalla sua espressione appare chiara la voglia e la determinazione di vivere al massimo questa esperienza. Forse l’ultima a questi livelli, ma sicuramente già oggi la più importante. “Questa è la parentesi più importante della mia carriera perché il Palermo è una bella squadra senza dubbio, dovrò sfruttare al meglio questa possibilità facendo il massimo possibile ogni giorno. Per un club come il nostro poi, il gruppo è sicuramente fondamentale. Lo è anche per noi giocatori, dato che vedendo i compagni e lavorando con loro si imparano sempre cose nuove. Questa è la nostra forza”. La conferenza si chiude con una dichiarazione che sicuramente rende felici tutti i tifosi. Rispetto per il Milan, senza dubbio, ma assoluta voglia di vincere, unita ad umiltà. Così, secondo Alvarez, il Palermo andrà a San Siro. “Cè sempre la voglia di vincere, abbiamo tre partite difficili e cercheremo di vincerle tutte, poi gli episodi a volte ti fanno anche perdere, ma con umiltà speriamo di fare risultato su tutti i campi. Non firmiamo per il pareggio, sappiamo che il Milan è una grossa squadra, ma se andiamo con la mentalità e lapproccio giusto – ha concluso – possiamo vincere anche a Milano”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy