Mondonico sulla lotta salvezza: “Ecco come ci si salva. Pescara, puoi centrare l’impresa”

Mondonico sulla lotta salvezza: “Ecco come ci si salva. Pescara, puoi centrare l’impresa”

L’intervista all’ex allenatore di Cremonese e AlbinoLeffe: “Le piccole devono avere calciatori universali in grado di attaccare, ma soprattutto di difendere, a cominciare dagli attaccanti”.

Commenta per primo!

“Le ultime quattro sono staccate e penso che la situazione resti invariata fino alla fine”.

Parola di Emiliano Mondonico. L’ex tecnico di Cremonese e AlbinoLeffe, intervistato da ‘Il Centro’, ha detto la sua sulla lotta salvezza in Serie A; lotta che vede attualmente protagoniste Empoli, Palermo, Crotone e Pescara. “Crotone, Palermo, Pescara ed Empoli sono indietro perché c’è un sostanziale divario tecnico con le altre. Tuttavia, negli ultimi mesi ho sentito parlare un po’ troppo di bel gioco, del fatto che nessuno ha messo sotto alcune di queste squadre e via discorrendo. Tutte frasi che dimostrano una totale non conoscenza della categoria – ha dichiarato il mister originario di Rivolta D’Adda -. Invece, è fondamentale avere coscienza dei propri limiti. Le cosiddette provinciali si sono salvate sempre grazie al tatticismo, alla grinta e all’agonismo, tutte doti che a volte consentono di ridurre il gap con le big. Le piccole devono avere calciatori universali in grado di attaccare, ma soprattutto di difendere, a cominciare dagli attaccanti. Se nella Juventus Mandzukic è il primo a rincorrere non vedo perché non possano farlo tutti gli altri”.

Sul Pescara “Sono convinto che con una disposizione più accorta e qualche rinforzo il Pescara possa centrare l’impresa. Anzi, paradossalmente, quella che potrebbe avere le maggiori difficoltà nel girone di ritorno è l’Empoli, perché ultimamente non è abituato a soffrire. Bovo al Pescara? Sarebbe un’altra pedina importante, Bovo e Stendardo sono due veri combattenti”, ha concluso Mondonico.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy