Caso Muntari, interviene il sindaco di Pescara: “Siamo senza parole!”

Caso Muntari, interviene il sindaco di Pescara: “Siamo senza parole!”

Il sindaco di Pescara, Marco Alessandrini, e l’assessore allo sport, Giuliano Diodati, esprimono massima solidarietà nei confronti di Sulley Muntari dopo l’episodio avvenuto a Cagliari domenica scorsa.

Commenta per primo!

Un caso che continua a far discutere. Il comportamento che l’arbitro prima e il Giudice Sportivo hanno assunto di fronte all’episodio di domenica che ha visto protagonista Sulley Muntari non è stato per nulla digerito dal sindaco di Pescara, Marco Alessandrini, e nemmeno dall’assessore allo sport Giuliano Diodati.

I due hanno manifestato piena solidarietà al centrocampista ghanese. “Ci lascia senza parole ciò che è accaduto a Cagliari al biancazzurro Sulley Muntari. In verità ci lascia senza parole anche ciò che è accaduto dopo la legittima reazione del nostro giocatore, ovvero la sua squalifica da parte del giudice sportivo. Fatti che ci portano a manifestare piena solidarietà e sostegno nei confronti a Muntari e della sua lotta. Lo sport ha valori alti di competizione sana, da sempre il fair play e il rispetto sui campi e in pista sono stati la priorità rispetto alla competizione. E questo ha dato vita, in alcuni casi, anche a gesti umani di solidarietà fra atleti, giocatori, grandi esempi per il pubblico e la società tutta. Il fatto che il colore della pelle rappresenti per qualcuno il pretesto per portare sul campo ciò che allo sport non appartiene e di certo non appartiene nemmeno alla maggior parte degli italiani, è un fatto che non può passare inosservato. Bene ha fatto Muntari a sottolinearlo con l’affermazione di diritti che dovrebbero essere riconosciuti sempre e dovunque. Non ci è sembrato, invece, un bell’esempio di civiltà e rispetto non censurare i cori consentendo alla partita di continuare malgrado la presa di posizione di Muntari: le regole vanno rispettate e a Cagliari le regole di convivenza civile sono state violate. In un Paese che si vuole definire davvero civile non può succedere che a pagare sia chi ha subito l’offesa, perché questo equivale a perdere due volte: la prima volta si è persa l’occasione di sospendere la partita e quindi di applicare le regole che consentono di dare ai cori razzisti la giusta condanna; la seconda occasione perduta è stata quella di restituire dignità a Muntari, che invece dal giudice sportivo ha ottenuto una squalifica, decisione che ancora una volta lo ha punito per aver fatto la cosa più civile che poteva, affermare i suoi diritti”, il pensiero espresso.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy