Parma, D’Aversa: “Scudetto? Juventus la più forte, CR7 un fenomeno. Gervinho scommessa vinta, il VAR…”

Parma, D’Aversa: “Scudetto? Juventus la più forte, CR7 un fenomeno. Gervinho scommessa vinta, il VAR…”

Le dichiarazioni dell’allenatore del Parma, Roberto D’aversa, sulla lotta Scudetto in Serie A e sullo stato di forma dei ducali

Il commento di Roberto D’Aversa.

(Genoa-Parma, Rigoni: “Un grande applauso a tutto il gruppo. Ceravolo ha qualità enormi, ma…”)

Presente ieri sera negli studi del programma televisivo in onda su Italia 1Tiki Taka, l’allenatore del Parma ha parlato dei temi più importanti delle prime giornate di campionato, soffermandosi in particolare sulle polemiche riguardanti l’utilizzo VAR, la lotta Scudetto in Serie A ed il momento di forma della formazione ducale. Di seguito le dichiarazioni del tecnico dei crociati.

Credo che sia importante portare avanti questo aspetto, la tecnologia toglie dubbi e sospetti. Fare l’arbitro non è semplice, me ne accorgo in settimana durante le partitelle di allenamento. C’è da migliorare l’interpretazione, ci sono troppe valutazioni differenti. La tecnologia però si dovrebbe usare il più possibile. La chiamata dalle panchine? Credo sia da valutare più avanti, si dovrebbe dare la possibilità di farlo ma solo nel finale di partita, altrimenti il gioco sarebbe troppo spezzettato“.

Sulla lotta per lo Scudetto: “La Juventus ha la squadra più forte, viene da un percorso costellato da tante vittorie negli ultimi anni. È cresciuta ancora e ha aggiunto il fenomeno Cristiano Ronaldo. Con il Napoli, senza la sua qualità, sarebbe finita diversamente. Quella bianconera è una squadra che a volte ti dà la sensazione di andare in difficoltà ma ha la capacità di gestire la partita come nessun’altra“.

Sull’intuizione di Gervinho: “È stato molto bravo il nostro direttore, ha voluto fare questa scommessa e ha avuto ragione. Il ragazzo aveva giocato negli ultimi due anni e mezzo in un campionato diverso per intensità, ma è un calciatore forte, con qualità fisiche e atletiche importanti abbinate a un’ottima tecnica. Non è solo veloce. È arrivato con grande umiltà e si è messo a disposizione in una realtà a cui non era abituato, in lotta per la salvezza e ci sta dando una grande mano“.

(Genoa-Parma, Ceravolo: “Felice per il gol e per la vittoria. Sto bene, sono dovuto uscire perché…”)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy