Caso Parma: chiesti 60 milioni a Ghirardi e co.

Caso Parma: chiesti 60 milioni a Ghirardi e co.

La stangata dei curatori fallimentari deve ora passare al vaglio del Tribunale civile di Bologna

Commenta per primo!

Ammonta a 735 milioni la richiesta di sequestro conservativo dei beni per il fallimento del Parma. La stangata dei curatori fallimentari deve ora passare al vaglio del Tribunale civile di Bologna. Certo, si tratta di una cifra enorme, a titolo di risarcimento futuro che gli ex amministratori del club gialloblù potrebbero essere chiamati a pagare. Sulla Gazzetta di Parma è stato pubblicato l’elenco dei 17 soggetti: 60 milioni a testa per l’ex presidente Tommaso Ghirardi e l’ex a.d. Pietro Leonardi, ma anche agli ex membri del cda Susanna Ghirardi, Giovanni Schinelli, Alberto Volpi, Alberto Rossi e agli ex sindaci Mario Bastianon e Francesco Sorlini. Nel mirino ci sono in particolare i bilanci del Parma dal 2013 al fallimento dell’anno scorso e l’operazione contabile della cessione del marchio con una plusvalenza di oltre 20 milioni. Nella relazione dei curatori si indicherebbe come il Parma, già nel giugno di tre anni fa, era di fatto fallito.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy