Zauli: “Il mio Palermo e quello attuale, due mondi diversi. Anni fa la società trasmetteva entusiasmo”

Le parole dell’ex calciatore rosanero, attuale tecnico del Teramo. “La gente, dopo quello che è successo l’anno scorso, vorrebbe ritrovare un Palermo un po’ più umano”.

Commenta per primo!

“Quanto è distante questo Palermo dal mio? Mi sembra che parliamo di mondi completamente diversi. Anzi abbiamo vissuto proprio l’opposto rispetto al clima di diffidenza che c’è adesso”.

Lamberto Zauli analizza la situazione in casa Palermo e, attraverso le colonne de ‘La Repubblica‘, mette a paragone le due diverse realtà: il passato e il presente. “Ai miei tempi c’era entusiasmo ed era la stessa società a trasmetterlo con grandi progetti – sottolinea l’attuale tecnico del Teramo -. Tutti se ne rendevano conto, dalla gente comune a tutte le altre componenti della squadra. I tifosi non sono più vicini come un tempo? Il mio Palermo era diverso. La gente dopo quello che è successo l’anno scorso, in cui va detto è stata centrata una grandissima salvezza per come si erano messe le cose, vorrebbe ritrovare un Palermo un po’ più umano. Zamparini invece già lancia stoccate a Ballardini. Il presidente si comportava così anche ai miei tempi, ma quella era una squadra in ascesa e non ci si faceva caso più di tanto”.

Il Palermo al primo vero esame della stagione. Ballardini punta sul gruppo: “Squadra unita, non siamo gli ultimi della classe”. Zamparini fa il punto sul mercato

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy