ZAMPARINI:”Moggi? Dipendeva da Agnelli”

ZAMPARINI:”Moggi? Dipendeva da Agnelli”

Maurizio Zamparini ha parlato a Radio Sportiva a poche ore dal match col Novara che potrebbe determinare ufficialmente la promozione del suo Palermo in Serie A. Il patron rosanero ha analizzando le.

Commenta per primo!

Maurizio Zamparini ha parlato a Radio Sportiva a poche ore dal match col Novara che potrebbe determinare ufficialmente la promozione del suo Palermo in Serie A. Il patron rosanero ha analizzando le vecchie vicende di Calciopoli, esprimendo il suo punto di vista sull’operato di Moggi. “Moggi? L’ho raccontato tante volte. Un giorno mi chiese qual’era l’arbitro migliore della B e poi mi disse che me lo avrebbe fatto mandare per una partita col Verona. Pensai che si stesse solo vantando, poi ho visto che ci assegnarono proprio quell’arbitro, non era millantato credito. Penso che queste cose nel calcio come in politica e nel lavoro esistano ancora. Moggi in cima alla piramide? Allora dipendeva dalla famiglia proprietaria del suo club, se fosse stato alle mie dipendenze non avrebbe fatto quelle cose. E’ un po’ l’etica americana, in cui non importa come vincere, ma solo raggiungere l’obiettivo. Oggi c’è più visibilità, la televisione costringe i protagonisti a parlare con la mano davanti alla bocca. La cultura non è cambiata, ma i controlli fanno la differenza. Mio padre è stato emigrante in Venezuela negli anni 50, se all’epoca si trovava un portafogli in mezzo alla strada con la dittatura, non lo toccavano perché ai ladri si tagliava la mano”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy