Zamparini pensa al Chievo: “Voglio tre punti e Barbera pieno. Sorrentino? Quando era da noi…”

Zamparini pensa al Chievo: “Voglio tre punti e Barbera pieno. Sorrentino? Quando era da noi…”

Il presidente del Palermo parla a due giorni dalla sconfitta rimediata dai rosa al Franchi contro la Fiorentina: “Domenica mi aspetto il pienone al Barbera”.

1 Commento

I Premium Cartoons lo avevano “scimmiottato” una decina di giorni fa proprio mentre trattava questo argomento.

Era la vigilia di Palermo-Lazio e il Maurizio Zamparini versione cartone animato riceveva la visita speciale da parte del Divino Otelma. Lo sketch si concludeva con un “Non ho mai visto il Barbera così pieno“. Frase da leggere con tono sarcastico dato che due giorni dopo il pubblico rispose con un dato che costituisce tuttora il record negativo di presenze al Renzo Barbera. 8mila gli spettatori di quel lunch-match che costò caro a De Zerbi (di fatto l’esonero venne deciso in quella circostanza e l’eliminazione dalla Coppa Italia fu solamente la goccia che fece traboccare il vaso).

Con Eugenio Corini, il numero uno del club di viale del Fante si augura di ricucire lo strappo con tifoseria: un rapporto giunto ai minimi storici tra sostenitori e società. L’allenatore di Bagnolo Mella (capitano dei rosa per diverse stagioni e idolo della piazza) proverà a conseguire questo altro importante obiettivo stagionale.

Palermo-Chievo: il club chiama a raccolta i tifosi, i dettagli

Si ripartirà domenica prossima, quando i rosanero affronteranno il Chievo e Corini debutterà da allenatore del Palermo allo stadio Renzo Barbera. “Mi auguro di riuscire a riempire lo stadio contro i gialloblu”, ha detto Zamparini – questa volta quello vero – al Giornale di Sicilia. Sarà anche il ritorno alla Favorita di Sorrentino, per la prima volta da avversario. “Non ho nulla da dire su Sorrentino, quando era da noi mi capitava di complimentarmi o di bacchettarlo, adesso non è più un mio calciatore. Per domenica voglio i tre punti“.

In questa serie di incroci, Corini affronterà anche quella che per anni è stata la sua squadra sia da calciatore che da tecnico. “La prima volta che subentrò al Chievo era in una situazione simile di classifica e riuscì a salvarsi con qualche giornata d’anticipo – ricorda Zamparini -. Spero proprio che si ripeta“.

LEGGI ANCHE

Zamparini e i torti arbitrali: “Highlights mostrati in un certo modo, noi non siamo il potere del calcio”

Palermo: le 5 mosse di Eugenio Corini per uscire dal tunnel. Rimane un dubbio per il futuro

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. mau49 - 8 mesi fa

    Lei da noi non può pretendere nulla,visto come da lei siamo strati trattati.Ha ridotto per i suoi fini il Nostro Palermo a squadretta d’allevamento.L’Italia e non solo ci deride.Se il Barbera sara’ pieno ,me lo auguro,lo sara’ per quella passione,per amore viscerale,e per l’affetto che riconosciamo al mister ed impegno dei giocatori che indossano quei colori da lei macchiati e con cui ha finalizzato il suo progetto.Si vergogni piuttosto!Lei non merita quell’affetto che il popolo rosanero le aveva riservato negli anni scorsi.La saluto!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy