Zamparini: “Offerta mia collaborazione a Berlusconi, ma mi ha deluso. Renzi, ho capito io il tuo obiettivo”

Zamparini: “Offerta mia collaborazione a Berlusconi, ma mi ha deluso. Renzi, ho capito io il tuo obiettivo”

C’è spazio per parlare – chiaramente – anche di politica, nel corso di un’intervista rilasciata da Maurizio Zamparini, presidente del Palermo, a ‘La Gazzetta dello Sport’. “Questa – dice -.

Commenta per primo!

C’è spazio per parlare – chiaramente – anche di politica, nel corso di un’intervista rilasciata da Maurizio Zamparini, presidente del Palermo, a ‘La Gazzetta dello Sport’. “Questa – dice – è una parola che ha perso tutto il suo valore. Nella civiltà di Atene richiamava i concetti di dovere e libertà. Oggi da noi la politica toglie libertà. Oggi lo Stato è un nemico delle persone: vuole dei sudditi, non dei cittadini. E i politici, complici delle multinazionali e delle banche centrali, invece che sugli interessi della gente si concentrano sui sondaggi, per capire dove sono i consensi e come prendere il potere. Hanno ucciso l’economia di questo Paese: per un sacco di tempo non l’ha detto nessuno, e se oggi sento parlare di rinascita mi viene da ridere. Quando i no global spaccavano tutto, mi avevano spiegato che erano solo dei disgraziati violenti: l’ho capito dopo, usavano modi sbagliari ma avevano ragione loro. Dal dopo-guerra in poi, da De Gasperi, Moro, Andreotti in poi, è stata solo una deriva: sempre peggio – ha detto il patron friulano da quanto evidenziato da Mediagol.it -. Ero un anticomunista viscerale, mi sono sempre sentito un liberale: quando è andato su Berlusconi con lui c’era Fini, gli avevo offerto la mia collaborazione perché sentivo di dover ricambiare in qualche modo il successo economico che avevo avuto e pensavo volessero davvero cambiare il Paese. In realtà è cambiata solo la ricchezza di Berlusconi: facendo politica si è moltiplicata per mille. Avrebbe dovuto dimettersi, non nascondersi dietro le angherie della magistratura, e invece mi ha deluso profondamente, lui come Bossi, Prodi, oggi Renzi che cammina sulla stessa strada di chi lo ha preceduto; l’obiettivo non è dare servizi, ma fare carriera e prendere potere – aggiunge -. Come si potrà distruggere questo male che è stato seminato? Una volta per ripartire si usavano le guerre, oggi spero che se ne possa uscire con un po’ più di amore: per la gente“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy