ZAMPARINI: “LEGGI INUTILI, PUNIRE DELINQUENTI”

ZAMPARINI: “LEGGI INUTILI, PUNIRE DELINQUENTI”

Nell’intervista concessa a ‘Radio Capital’, il presidente del Palermo, Maurizio Zamparini, ha parlarato a lungo del fenomeno ultras, spiegando come debellare la violenza lì dove le tifoserie.

Commenta per primo!

Nell’intervista concessa a ‘Radio Capital’, il presidente del Palermo, Maurizio Zamparini, ha parlarato a lungo del fenomeno ultras, spiegando come debellare la violenza lì dove le tifoserie organizzate condizionano la stagione delle squadre mortificando un’intera piazza.  “Io non foraggio gli ultras, così come altri che conosco. Non metto il naso in casa degli altri. Ci sono piazze più pericolose, ovviamente. Vedo per esempio il mio amico Corioni a Brescia che è contestato da vent’anni nonostante ciò che ha fatto per il Brescia, questo perché non si fa condizionare da nulla. Lo stato deve metterci del suo, quello che non ha fatto per anni. Hanno fatto delle ‘leggine’ su tornelli e controlli, ma bisogna punire i delinquenti, non le persone perbene. Negli stadi non servono le carogne, ma le famiglie che vivono di sport. Io penso che sia una questione di cultura, bisogna iniziare dalle scuole. Gli stadi sono lo specchio, viviamo in uno stato disfatto e senza certezze, checché ne dica Napolitano. Le istituzioni non ci sono più, la tutela del cittadino non c’è più, e così è negli stadi. Bisogna dare libertà e sicurezza, non togliere la libertà per la sicurezza“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy