Zamparini: “In Italia si sono rubati i campionati? No, vi spiego meglio…”

Zamparini: “In Italia si sono rubati i campionati? No, vi spiego meglio…”

“Che idea mi sono fatto del caos attorno a Lotito? Per me sono importanti i valori. A un certo momento nel regime sovietico, quando i figli potevano registrare le telefonate che incolpavano il padre.

Commenta per primo!

“Che idea mi sono fatto del caos attorno a Lotito? Per me sono importanti i valori. A un certo momento nel regime sovietico, quando i figli potevano registrare le telefonate che incolpavano il padre liberale, quest’ultimo andava in galera. Nel calcio ci sono due visioni: una è la visione sportiva e l’altra è una visione economica. C’è un presidente che io stimo moltissimo, come De Laurentiis, che vorrebbe un campionato di calcio italiano come l’NBA americana, in cui non ci sono retrocessioni. Se io sono d’accordo con questa visione? No, no, assolutamente. Perché, secondo questa visione, il calcio è solo ed esclusivamente spettacolo. Mentre io penso che il calcio sia solo uno sport”. Lo ha detto il presidente del Palermo Maurizio Zamparini, intervenuto ai microfoni di Radio24. “Se il calcio è uno sport, allora non puoi permettere non solo quello che dice Lotito, ma non puoi nemmeno permettere che la meritocrazia in Italia sulla classifica sia quella degli ultimi cinquant’anni. Non puoi permettere che ci siano dei precedenti che abbiano fatto delle proposte sulla Gold Card, la carta d’oro, cosicché in Champions ci andassero solo le squadre che avevano vinto di più negli ultimi cinquant’anni e guarda caso le tre grosse società. Se sto dicendo che negli ultimi 50 anni non c’è stata meritocrazia in Italia e si sono rubati i campionati? Questa si chiama storiografia. Mi spiego meglio. Allora, in Inghilterra i club vengono premiati in questo modo: la prima classificata prende venti quote e l’ultima ne prende una, quindi secondo il criterio meritocratico. Noi in Italia abbiamo tante cose che non funzionano – aggiunge -. Quello che è successo a Lotito lo vedo come una lotta al potere tra un potere che c’era prima e quello che c’è adesso. Quello che mi fa male è che un individuo, che io non apprezzo di sicuro, anzi il contrario, si permetta di registrare una telefonata e di darla alla stampa. Se avesse avuto le palle, questo individuo avrebbe detto a Lotito ‘Non sono d’accordo con te, non mi telefonare’. Iodice è una persona di bassissimo spessore. Quello che Lotito ha detto è un discorso privato, io non la penso assolutamente come Lotito, ma non vedo il caso. Il caso è quello che è stata pubblicata una conversazione privata. Il resto è una lotta di potere: cioè da una parte la Juventus e dall’altra Milan e Lotito che ha occupato una posizione che per quarant’anni ha occupato la Juventus e che la Juventus tenta di riprendersi. Io la vedo così. Non si vuole il Carpi in Serie A? Io combatto da 25 anni in Lega affinché non si facciano questi discorsi. Io ho portato il Venezia in Serie A dopo tantissimi anni, non vedo perché non debba andarci il Carpi o il Frosinone…”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy