Zamparini: “I tifosi sono arrabbiati dopo episodi di Carpi, spero che la Juve voglia festeggiare con una vittoria”

Zamparini: “I tifosi sono arrabbiati dopo episodi di Carpi, spero che la Juve voglia festeggiare con una vittoria”

Le parole polemiche del presidente rosanero dopo la sfida tra Carpi ed Empoli.

1 Commento

“Io mi auguro che la Juventus voglia festeggiare lo scudetto nel migliore dei modi, cioè giocando. A me non importa se il Carpi va a pareggiare allo Stadium, mi interessa che si giochi a calcio. Noi ci abbiamo provato a Torino e abbiamo preso quattro pappine perché la Juve è la Juve. E’ giusto che si vincano le partite senza condizionamenti. In B deve andarci chi lo merita, non chi viene sfavorito dagli arbitri. Guarda caso il Carpi è sempre quella squadra che contro il Genoa ha giocato per più di un tempo in superiorità numerica e poi è riuscita a vincere, mentre prima perdeva”.  Queste le parole polemiche del patron rosanero Maurizio Zamparini, intervenuto a Radio Kiss Kiss, all’indomani della sfida tra Carpi ed Empoli che ha scatenato svariate polemiche a causa dell’arbitraggio di Valeri. “Io ormai sono alla frutta. A me potrebbe anche non importare, ma ai tifosi sì. Io tra qualche mese vado via, ma il Palermo resta e i tifosi anche. La gente di Palermo è arrabbiata per ciò che è successo ieri. Calcio italiano marcio? Completamente. Noi abbiamo un buon presidente di Federazione, un onesto presidente di Lega… ma è una cosa folle quella che succede al loro interno. Pensate che nel settore arbitrale europeo c’è Collina, il designatore, che è nominato dal presidente dell’UEFA. Mentre in Italia il presidente degli arbitri è nominato dal Parlamento degli arbitri… che è votato da…? Siamo alle solite. Non va bene. In Italia abbiamo degli arbitri veramente bravi, ma questi non dirigono le partite valide per la salvezza”.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Salvatore Pinto - 9 mesi fa

    i tifosi sono incazzati con te

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy