VIDEO: Hachim Mastour, dalle magie alle sfide con Neymar. È lui il dopo-Vazquez?

VIDEO: Hachim Mastour, dalle magie alle sfide con Neymar. È lui il dopo-Vazquez?

Due piste “marocchine” per occupare la casella lasciata libera dal ‘Mudo’: i rosa potrebbero sfruttare i buoni uffici col Milan per accogliere il talento classe 1998.

19 commenti

A talento deve seguire talento.

Virtualmente ceduto Franco Vazquez a una big europea, la società rosanero è consapevole di dover accogliere un calciatore di qualità per sopperire all’assenza del Mudo (al momento diretto verso la Premier League, il Tottenham rimane in vantaggio sulle altre). In questo senso nelle ultime ore sarebbero emersi due profili, entrambi con uno stretto legame col Marocco. Si tratta di Walil El Karti, trequartista classe ’94 in forza al Wydad Casablanca, e Hachim Mastour, fantasista nato nel 1998 e già noto ai più. Se El Karti – definito “fortissimo” da Gianni Di Marzio interpellato sull’argomento – non ha ai varcato i confini nazionali, Mastour è un profilo, per così dire, più cosmopolita. Nato a Reggio Emilia da genitori marocchini, si mette in mostra con la Reggiana e, all’età di 14 anni, arriva la chiamata del Milan. Stupiscono specialmente i numeri da giocoliere di cui si rende autore in allenamento e durante le partitelle con gli emiliani. “Riuscirà a far sì che queste giocate diventino funzionali e utili per la nostra causa?”, si chiedono i rossoneri.

Questa una delle risposte ricevute.

Siamo a fine anno 2014, Mastour ha sedici anni e gioca in pianta stabile con la Primavera di Cristian Brocchi. Entra dalla panchina e realizza questo gol nel secondo turno di Coppa Italia contro il Sassuolo. I piani alti del club di via Turati vogliono che un talento del genere debutti già in Serie A. Sebbene aggregato alla prima squadra, l’italo-marocchino (una presenza fin qui con la Nazionale dei Leoni d’Atlante) non viene mai fatto debuttare dai tecnici che si susseguono sulla panchina rossonera. Così, nell’agosto del 2015 Galliani e Berlusconi decidono sia meglio per lui provare a crescere, sbagliare e imparare dove le acque siano più tranquille: non di certo a San Siro, ma al Malaga, il primo club che si fa seriamente avanti per ingaggiarlo. Passa agli spagnoli con la formula del prestito biennale con diritto di riscatto e contro-riscatto. Attende due mesi per ricevere la deroga dalla FIFA in quanto minorenne, e poi esordisce il 7 novembre 2015 nella gara contro il Betis Siviglia. Sembra l’inizio della prima vera e propria stagione tra i “grandi” per il giovanissimo classe ’98. E invece… Mastour non giocherà più e, in seno al club andaluso, scoppierà anche un caso. Una vicenda che il Milan vorrebbe far rientrare quanto prima, perché i fattori esterni potrebbero incidere sulla maturazione del ragazzo, il quale non vuole far altro che giocare e mostrare che non è bravo solamente nel free-style o alla PlayStation

L’opzione Palermo potrebbe risultare interessante per i rossoneri di Berlusconi legato da un rapporto di stima e amicizia a Zamparini. Indipendentemente dalla destinazione di Vazquez – molto più vicino alla Premier League che al Milan -, l’ipotesi Mastour sembrerebbe molto calda per i siciliani.

19 commenti

19 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Andrea Lomonaco - 10 mesi fa

    Nel Palermo si sono sempre distinti i singoli, a volte col gioco personale e altre con giocate di classe (vedi Dybala, Pastore, Miccoli) mettendo la squadra in secondo piano. Quindi non vedo il motivo per il quale non possa fare bene a Palermo come gli altri! A condizione però che sia titolare è che la squadra lo assista sempre…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Fabio Yanez - 10 mesi fa

    Un ragazzino, zero esperienza, ed è muru muru cu policlinico visto che si infortuna spesso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Meli Francesco Paolo - 10 mesi fa

    Anche no,ci vogliano giocatori e non giocolieri

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Giovanni La Sala - 10 mesi fa

    Speriamo che le promosse dalla b non si rivelino forti altrimenti non ci giochiamo manco il quartultimo posto l’anno prossimo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Riccardo Parisi - 10 mesi fa

    Incomincia il teatrino del nulla…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Gianluca La Mattina - 10 mesi fa

    Il Palermo ha fatto un finale di stagione fantastico e siamo tutti orgogliosi di questo ma se si ripetono gli stessi errori della stagione passata, facendo un mercato che indebolisce anziché rinforzare, si va dritti dritti in Serie B senza se e senza ma. Mi auguro che la dirigenza rosanero sia consapevole di questo, speriamo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. nick - 10 mesi fa

    Ma stiamo scherzando? Un ragazzino che non ha mai dimostrato niente di niente?
    Brutti segnali..mz pare intenzionato a fare pure peggio dello scorso anno dove almeno una base c’era

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Leandro Brucia - 10 mesi fa

    Enrico, per favore no! 😀

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Enrico Brancadori - 10 mesi fa

      hahaha non ti piace il giocoliere? 😛 😀

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Leandro Brucia - 10 mesi fa

      Ma meglio Trajkovski a ‘sto punto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Pippo Lo Cascio - 10 mesi fa

    Chiacchiere a matula! Solo aria fritta. Dovete far parlare solo LUI. L’IMMENSO!? Chiaro? Non avete ancora capito che decide tutto solo lui? Rassegniamoci. Quello che verrà verrà. Così è se vi pare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Vito Parisi - 10 mesi fa

    Io prenderei suso. Lui si che farebbe dimenticare Vazquez

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Daniele Calabria - 10 mesi fa

      Suso molto più concreto..è ha un tiro niente male..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. vabbe' - 10 mesi fa

    dovremmo affidare il centrocampo a un ragazzo di 18 annni….ma dico siamo impazziti?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Massimo Montelione - 10 mesi fa

    è il profilo perfetto per…far giocare (purtroppo) titolare Trajkoswky….un giovane “senza pretese” da far maturare all’ombra dei “fuoriclasse” slavi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Antonello Provenzano - 10 mesi fa

    Come ho commentato in un altro post, ho visto giocare Mastour nella primavera del Milan e mi è sempre sembrato isolato dal gioco.
    quando ha la palla fra i piedi è incredibile, ma a me da più l’idea di essere un giocatore da freestyle, piuttosto che da squadra di calcio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Danilo D'agati - 10 mesi fa

      hai ragione antonello anche a me sembra solo giocoliere freestyle,fosse stato davvero in gamba nel malaga avrebbe giocato invece 0 presenze anche lì

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Antonello Provenzano - 10 mesi fa

      tipo Cristante: partono con il titolo di gioielli, ma poi non si inseriscono in una squadra di calcio. il che va bene se sei Neymar e giochi con Iniesta, Xavi, Piquè, Messi, i quali sanno cosa fare tatticamente… ma se arrivi nel Palermo, o giochi in squadra oppure giochi a tennis :)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Francesco Sermolino - 10 mesi fa

      Ha 18 anni e se esplode fa il botto

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy