Trapattoni: “Esonero Iachini? Non giudico, ma nel calcio contano i punti. Ballardini non può fare miracoli”

Trapattoni: “Esonero Iachini? Non giudico, ma nel calcio contano i punti. Ballardini non può fare miracoli”

Le parole dell’ex commissario tecnico della Nazionale Italiana.

Commenta per primo!

“Non voglio parlare dell’esonero di Iachini, dati i 700 chilometri di distanza. Non puoi giudicare se non hai una conoscenza diretta, non me la sento di affermare che sarebbe stato meglio continuare con il tecnico della promozione e della salvezza”. Lo ha detto Giovanni Trapattoni, intervistato dal ‘Giornale di Sicilia’. L’ex commissario tecnico di Italia e Irlanda, che in passato ha anche detto no al Palermo di Maurizio Zamparini, ha commentato la scelta da parte del patron friulano di esonerare Beppe Iachini; al suo posto Davide Ballardini. “I tifosi seguono il Palermo con attenzione superiore alla mia, la classifica certamente condiziona i giudizi. Nel calcio un presidente ha soltanto i punti come parametro di giudizio. Ballardini lo conosco – ha dichiarato Trapattoni -. Ha sempre fatto bene ovunque è andato, anche al Palermo. Esistono magari momenti di involuzione nel calcio, la società quando prende un allenatore di esperienza spera nei miracoli. Ma da contadino aggiungo che il vino deriva dall’uva che abbiamo, c’è da valutare bene il valore della rosa palermitana. Il pubblico si aspetta una certa classifica, il lavoro svolto avrebbe potuto meritare maggiori riconoscimenti. Tutti vorrebbero vincere, ma è impossibile”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy