Sorrentino: “Le regole valgono per tutti. I nuovi devono imparare in fretta l’italiano. Mio scherzo a Cassini…”

Sorrentino: “Le regole valgono per tutti. I nuovi devono imparare in fretta l’italiano. Mio scherzo a Cassini…”

Multietnico. Il nuovo Palermo targato Beppe Iachini può contare su un vasto numeri di talenti stranieri che dovranno integrarsi in fretta all’interno dello spogliatoio. Protagonista di una.

Commenta per primo!

Multietnico. Il nuovo Palermo targato Beppe Iachini può contare su un vasto numeri di talenti stranieri che dovranno integrarsi in fretta all’interno dello spogliatoio. Protagonista di una lunga intervista concessa al Corriere dello Sport, Stefano Sorrentino si è espresso a proposito. “Siamo in Italia, bisogna parlare italiano, è giusto che imparino in fretta per semplificare i contatti. Se non capiscono è un problema. Sono andato in Grecia e c’era il greco e in Spagna lo spagnolo, o ti adatti o sono affari tuoi. Basta il ritiro per entrare in armonia e la cosa importante è che gli stranieri siano disponibili e intelligenti – ha dichiarato il capitano del Palermo -. Ho visto che Cassini, Trajkovski, Hiljemark studiano per imparare la lingua e per integrarsi in fretta. C’è chi è più timido e accusa, chi come Trajkovski ha più personalità che gli deriva dalla esperienza internazionale. Cassini è il primo a farsi quattro risate. Lo chiamiamo bambino, per questo gli abbiamo comprato la culla e il seggiolone. Il presidente ha riso fino alle lacrime. E Cassini ha chiesto il biberon. Giovani e principianti vanno trattati alla stessa maniera, nello spogliatoio non c’è differenza d’età. Le regole valgono per tutti. Se hanno bisogno della balia significa che non possono giocare. Se giocano sono uguali agli altri”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy