Sorrentino: “Il Torino squadra del mio cuore. Chievo? Ecco perché vince. Avevo avuto dei problemi con Campedelli, ma poi…”

Sorrentino: “Il Torino squadra del mio cuore. Chievo? Ecco perché vince. Avevo avuto dei problemi con Campedelli, ma poi…”

“Mia esperienza al Torino? E’ la città in cui vivono le mie figlie e la mia famiglia. E’ il club per cui faccio il tifo e che mi ha fatto diventare professionista. E’ il.

Commenta per primo!

“Mia esperienza al Torino? E’ la città in cui vivono le mie figlie e la mia famiglia. E’ il club per cui faccio il tifo e che mi ha fatto diventare professionista. E’ il club, tra quelli che attualmente si trovano in testa alla classifica, con più ambizioni”. A dirlo il portiere del Palermo, Stefano Sorrentino, intervistato da ‘La Gazzetta dello Sport‘ a due giorni dal match vinto contro l’Udinese. “Il Chievo? E’ una famiglia, gestita alla perfezione dal presidente Campedelli. Mi ha riportato in Italia dopo le esperienze in Grecia e in Spagna. Dopo qualche problema con Campedelli ci siamo chiariti, c’è stima reciproca – ha aggiunto -. Il Chievo vince perché ha valori umani che oggi sembrano spariti e Campedelli trasmette forza ai calciatori. Alcuni come Squizzi (ora preparatore dei portieri), Pellissier e Dainelli sono ancora i miei amici. E’ una squadra che, come la nostra, punta prima di tutto a salvarsi”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy