Sky, De Grandis: “I dirigenti seri, non Maurizio Zamparini, sanno che non si può cambiare un allenatore a tre giorni da una partita”

Sky, De Grandis: “I dirigenti seri, non Maurizio Zamparini, sanno che non si può cambiare un allenatore a tre giorni da una partita”

Il commento del giornalista di Sky.

2 commenti

Nella prima serata di mercoledì 6 gennaio 2016 si è scritto un capitolo singolare della storia del Palermo Calcio. Un ciclone che ha investito i rosanero, scombussolando equilibri e misure. Poca chiarezza e intenti tutto fuorché certi. Prima l’esonero, poi la riconferma di Ballardini, e in mezzo la lite-lampo con Iachini, con cui i rapporti ora sono definitivamente annullati. Zamparini ha catalizzato l’attenzione del mondo calcistico per delle ore piene, diventando trend topic sui social network. Chiaramente non per meriti, bensì per vicende quantomeno straordinarie, ossia fuori dal comune.

E’ così che il patron rosanero ha fatto presto a diventare secondo termine di paragone nei salotti delle principali trasmissioni sportive, venendo tirato in ballo anche durante una conversazione tra Zvonimir Boban e il giornalista di Sky, Stefano De Grandis: non mentre si parlava di Palermo e delle tematiche rosanero, bensì di Milan… eppure ecco la citazione sull’imprenditore friulano. “Il Milan non può cambiare adesso allenatore – spiega De Grandis -. Non ora. Mancano pochissimi giorni alla prossima partita, quella contro la Roma. I dirigenti seri, non Maurizio Zamparini, sanno che non si può cambiare guida tecnica a pochissime ore da un nuovo impegno in campionato”.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. nick - 2 anni fa

    infatti se vedi le trasmissioni nazionali e i siti il palermo viene considerato vittima di mz
    il problema è che lui è convinto di saperne più degli altri e da quando ha di fatto annullato la dirigenza per avere il 100% del controllo ha fatto più danni che altro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Antonello Provenzano - 2 anni fa

    Credo che in fin dei conti ormai i giornalisti abbiano pietà di noi: l’oggetto dello scherno è più Zamparini che il Palermo e i Palermitani….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy