Serie A: diritti tv, il piano delle piccole per svoltare in Lega. Ecco quanto guadagna il Palermo

Serie A: diritti tv, il piano delle piccole per svoltare in Lega. Ecco quanto guadagna il Palermo

Tredici club all’attacco per una ripartizione più equa dei diritti tv.

6 commenti

Domani a Milano una nuova assemblea della Lega Serie A per discutere, ancora una volta, dei diritti tv. L’incasso medio del nuovo triennio è cresciuto di circa il 20%: in questa stagione sarebbero 1170 i milioni lordi. Tolte le mutualità del 10%, la quota della Coppa Italia e le commissioni a Infront si arriva a 986 milioni netti da distribuire tra i venti club della massima serie italiana, cioè 120 milioni in più del 2014-15. Come verranno suddivisi? In passato si era raggiunto un faticoso compromesso sui bacini d’utenza che aveva ridotto le distanze tra grandi e piccole. Questa volta le piccole si sarebbero compattate formando un fronte di 13 società, compreso il Palermo; sul fronte opposto Juventus, Inter, Roma, Napoli, Fiorentina e Lazio. Eccolo, il piano delle medio-piccole. I punti sono tre: modificare i criteri di ripartizione per una distribuzione più equa; aumentare il paracadute in favore delle retrocesse in Serie B e riformare la governance della Lega per avvicinarla al modello inglese.

PUNTO PRIMO – At­tual­men­te la torta viene di­vi­sa al 40% in parti ugua­li, al 30% in base ai ri­sul­ta­ti spor­ti­vi (5% ul­ti­ma sta­gio­ne, 15% cin­que sta­gio­ni pre­ce­den­ti, 10% sto­ri­co dal 1946-47) e 30% se­con­do i ba­ci­ni d’uten­za (5% po­po­la­zio­ne, 25% ri­cer­che de­mo­sco­pi­che e ascol­ti tv). Il piano pre­ve­de di in­cre­men­ta­re la quota ‘me­ri­to­cra­ti­ca’ spo­stan­do il 10% dai ba­ci­ni d’uten­za ai ri­sul­ta­ti. Que­sta ipo­te­ti­ca nuova ri­par­ti­zio­ne pe­na­liz­ze­reb­be la Juventus, che vanta un quar­to dei ba­ci­ni d’uten­za della Serie A ed è il club che porta a casa più soldi: 94 mi­lio­ni nel 2014-15.

PUNTO SECONDO – Le me­dio-pic­co­le vo­glio­no far cre­sce­re il pa­ra­ca­du­te per sta­bi­liz­za­re i fat­tu­ra­ti, pro­teg­ge­re il va­lo­re dei club ed evi­ta­re i tra­col­li fi­nan­zia­ri da re­tro­ces­sio­ne. Fino all’anno scor­so il mon­te­pre­mi per le tre re­tro­ces­se è stato di 30 mi­lio­ni: mas­si­mo 15 ai club con al­me­no 3 sta­gio­ni in A, 10 con 2 sta­gio­ni e 5 con una. Il pa­ra­ca­du­te con­ti­nue­reb­be a es­se­re mo­du­la­to se­con­do la sto­ria delle re­tro­ces­se, ma ver­reb­be este­so a tre sta­gio­ni (a patto di non tor­na­re in A) fino a un mas­si­mo di 25 mi­lio­ni per il primo anno di B, 15 per il se­con­do e 10 per il terzo. Ciò si­gni­fi­che­reb­be uno stan­zia­men­to an­nua­le di 80-90 mi­lio­ni, il tri­plo di ora.

PUNTO TERZO – Una Lega da mo­der­niz­za­re e da li­be­ra­re dall’in­fluen­za dei club, as­se­gnan­do più po­te­ri alla strut­tu­ra in modo da va­lo­riz­za­re il pro­dot­to col­let­ti­vo, come fanno Pre­mier, Bun­de­sli­ga e ora anche Liga. Le me­dio-pic­co­le proporranno un patto alle gran­di: or­ga­ni ese­cu­ti­vi in­di­pen­den­ti, do­ta­ti delle giu­ste de­le­ghe, cioè pre­si­den­te e di­ret­to­re ge­ne­ra­le in grado di avere mag­gio­re au­to­no­mia, con l’as­sem­blea so­vra­na sulle que­stio­ni eco­no­mi­che e di in­di­riz­zo.

Mediagol.it vi propone la suddivisione dei proventi televisivi in Serie A nella stagione 2014-15 (in foto).

12358188_10207778628204265_1437784899_n

6 commenti

6 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. mistero - 2 anni fa

    Facendosi un breve calcolo, con i soli diritti tv (di quest’anno) la Società del Palermo calcio è in grado di pagare l’ingaggio di tutti giocatori, allenatori, dirigenti e pure il costo delle trasferte. Quindi con i ricavi netti dello stadio e quelli delle attività commerciali, ecc, il buon Zamparini avrà un buon profitto… quindi per favore evitiamo di piangere miseria…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Goge - 2 anni fa

    Quelli sono i proventi del 2014 – 2015. Non siamo più una neo promossa, quindi guadagniamo pure di più adesso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. vicio64 - 2 anni fa

    oggi giocare al pallone per le medio piccole e’ diventato un terno al lotto,non e’ semplice quando ci sono societa’ come milan inter rubentus,non dipende dal presidente,penso che Zampa da il massimo per il Palermo,ci sono aspetti che noi comuni tifosi non riusciamo a realizzare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. f.bonanno-8_696 - 2 anni fa

    È evidente che Zamparini, non è più in grado di gestire un club di serie A. Noi siamo almeno ai livelli del Genoa, e li investono molto di più, sbagliano ma mai retrocedono. Non siamo da meno della Samp e poi se vediamo il mercato a confronto…. È come avere ancora Ferrara e polizzi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. ZAMPAVATTENE!! - 2 anni fa

    MA ZAMPARINI COSA PRETENDE??
    BASTA ANDARE A VEDERE I DATI UFFICIALI DELLA LEGA DI SERIE A SUGLI ASCOLTI TV SKY E MEDIASET, PER VEDERE CHE LE PARTITE DEL PALERMO SONO FRA LE MENO SEGUITE DI TUTTE!!
    IL PALERMO PRENDE PIU’ DIRITTI TV DI UDINESE O ATALANTA CHE HANNO PIU’ SPETTATORI DI NOI!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. nick - 2 anni fa

    la fiorentina piglia solo 10 mln in più(e non vende quanto noi) e pare parliamo del real madrid

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy