Serie A: doppio del paracadute per chi retrocede, Palermo può fare reclamo. Ecco come verranno ripartiti i milioni dei diritti tv

Serie A: doppio del paracadute per chi retrocede, Palermo può fare reclamo. Ecco come verranno ripartiti i milioni dei diritti tv

Le 14 medio-piccole hanno rinunciato all’idea che prevedeva una ripartizione più equa sui bacini d’utenza.

2 commenti

Fumata bianca

La fumata bianca è arrivata dopo mesi di trattative e cinque assemblee di fila: i club di Serie A hanno trovato l’intesa sulla divisione dei proventi televisivi, la madre di tutte le battaglie di Lega. La delibera votata ieri, con 18 voti a favore e quelli contrari di Palermo (che potrebbe fare reclamo) e Chievo, è valida solo per la stagione in corso: un accordo-ponte, nel più classico degli epiloghi all’italiana, con la conseguenza che presto si riprenderà a litigare per gli anni futuri. La grande novità – scrive ‘La Gazzetta dello Sport’ – è rappresentata dal raddoppio del paracadute per chi retrocede in B. Il montepremi massimo era di 30 milioni nel 2014-15, adesso sarà di 60, ripartito in base all’anzianità di categoria: 25 milioni per chi ha militato in A per 3 stagioni nelle ultime 4; 15 milioni in caso di 2 stagioni in A nelle ultime 3 e 10 milioni con un anno su 3 nella massima categoria. Con un particolare: se avanza qualcosa dal montepremi, la squadra retrocessa con almeno 3 anni di anzianità in A potrà incassare il residuo in caso di permanenza in B nella seconda stagione.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Saso - 2 anni fa

    Ma stiamo SCHERZANDO? cioè qui si rischia la bagarre tra alcune squadre pur di retrocedere! E’ assurdo, ma che ca..o di regole sono?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. rosanero84 - 2 anni fa

    In ogni caso non conviene per nulla retrocedere. Perderebbe 39 milioni di diritti TV più la valutazione di vazquez che non andrà oltre i 12-15 milioni..

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy