Sampdoria, ds Osti: “Belotti fu ad un passo, poi andò al Palermo. Ecco come è andata”

Sampdoria, ds Osti: “Belotti fu ad un passo, poi andò al Palermo. Ecco come è andata”

La rivelazione del direttore sportivo della Sampdoria Carlo Osti

Commenta per primo!

Andrea Belotti rinnova con il Torino, una clausola per la cessione fissata a 100 milioni e la firma fino al 2021 in granata.

Guardando al passato, con il rammarico del caso, il direttore sportivo della Sampdoria Carlo Osti, intervenuto ai microfoni di Telenord, ha svelato la trattativa che avrebbe portato il “Gallo” in blucerchiato, proprio da quella trattativa fallita arrivò l’approdo in rosanero: “Belotti giocava nell’Albinoleffe e aveva una valutazione parecchio elevata, circa 3 milioni per la metà del cartellino. Ci siamo tirati indietro proprio alla fine, non era semplice fare un investimento simile in quel momento. Così andò al Palermo. Mercato? Nessuno si muoverà a gennaio, lo ha detto anche il presidente Ferrero. Comunque non credo che ci saranno grandi stravolgimenti in entrata. Se la squadra dovesse continuare così, ogni calciatore ne avrebbe giovamento in termini di prezzo e acquisirebbe una valutazione differente rispetto a quella di partenza. Devo dire che in estate abbiamo svolto un ottimo lavoro di scouting, credo che il nostro centrocampo sia uno dei migliori di tutta la Serie A, non lo cambierei con molti altri”. 

Torino, Cairo: “Spero che nessuno arrivi a offrire 100 milioni per Belotti”

Non solo Belotti e mercato per Osti, arriva anche la valutazione della rosa attuale e dell’allenatore Marco Giampaolo:De Silvestri? L’abbiamo ceduto a titolo definitivo, credo sia difficile un suo ritorno. Dodò e Pereira sono grandi talenti, devono crescere con noi. Con il portoghese stiamo anche parlando del rinnovo del contratto, ha detto di voler restare qui. Quagliarella? A breve rinnoverà il suo contratto, in settimana avremo un incontro con il suo agente. Palombo invece va in scadenza nel 2018, qualora non se la sentisse di continuare a giocare potremo valutare qualsiasi tipo di soluzione. Giampaolo? Vedendo gli allenamenti ogni giorno penso che questa sia a tutti gli effetti una squadra figlia del suo allenatore, di cui esprime esattamente i concetti. Ritengo comunque che ci siano ancora grandi margini di miglioramento. Il contratto di Giampaolo è per noi l’ultimo problema, la cosa importante è che ci sia la volontà da parte di tutti di proseguire il rapporto insieme. E’ stato in grado di creare un grande feeling con la squadra e noi crediamo in lui”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy