Salerno ammette: “A giugno mi aveva chiamato il Palermo”. E su Zamparini…

Le parole del noto direttore sportivo, ormai ex dirigente del Watford.

Commenta per primo!

Il suo nome era tornato ad essere caldo in chiave Palermo, prima del ritorno di Rino Foschi (e il successivo approdo di Daniele Faggiano) in Sicilia.

Nicola Salerno, ormai ex direttore sportivo del Watford, è stato intervistato ai microfoni di Gazzamercato: fra i temi trattati dal noto dirigente originario di Matera anche i contatti avuti nei mesi scorsi con il patron del Palermo, Maurizio Zamparini. “A giugno mi aveva chiamato il Palermo, prima dell’arrivo di Foschi, ma ero sotto contratto col Watford e non potevo prendere impegni – ha spiegato Salerno -. È andata così. Cosa farò dopo l’addio al Watford? Sono in stand by e continuo a vivere in Inghilterra, mi aggiorno sul calcio britannico, una miniera per un direttore sportivo”.

Su Pozzo, Zamparini e Cellino – “Con loro conservo un ottimo rapporto, anche affettuoso, lo faccio anche con Gaucci con il quale ho lavorato 10 anni fa. Sono presidenti con i quali possono esserci state magari delle discussioni durante il lavoro, ma la stima è immutata e solida. Con Cellino, per esempio, abbiamo fatto di tutto, promozioni, salvezze acquisizioni e vendite come Suazo, Matri e altri. Siamo sempre in contatto”, ha concluso Salerno.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy