Sabatini e il ricordo di Astori: “Sono addolorato e sconvolto. Ai tempi della Roma, De Rossi mi spronò a prenderlo…”

Sabatini e il ricordo di Astori: “Sono addolorato e sconvolto. Ai tempi della Roma, De Rossi mi spronò a prenderlo…”

L’ex direttore sportivo rosanero ha ricordato il capitano della Fiorentina che nella giornata di domenica, a soli 31 anni, ha perso la vita a causa di un arresto cardiocircolatorio

Walter Sabatini e il suo pensiero su Davide Astori.

L’ex direttore sportivo rosanero, ai microfoni di ‘Zona Vostra’ in onda su Trm 13, ha speso parole di elogio nei riguardi del giovane difensore della Fiorentina che è deceduto improvvisamente a causa, probabilmente, di un arresto cardiocircolatorio.

“Mi unisco al coro delle persone che lo descrivono come ragazzo straordinario, ottimo calciatore e persona davvero meravigliosa. Sono rimasto sinceramente colpito da questa vicenda che considero un agguato della morte, sono addolorato in modo davvero inspiegabile. Io l’ho preso in prestito alla Roma dal Cagliari, poi a fine anno non l’ho riscattato perché non c’erano i fondi per farlo; ho chiesto di poter rinnovare il prestito ma nulla è andato in porto. Credo che Davide si sia anche arrabbiato con me e credo che questo sentimento gli sia anche rimasto dentro, mi ricordo che era davvero deluso. Mi ricordo che quando stavamo per prenderlo venne in ufficio da me Daniele De Rossi e mi disse: ‘Davvero stiamo prendendo Astori? Prendiamolo direttore, è un ragazzo di spogliatoio e una grande risorsa per noi’. Davide era speciale ed era un esempio per tutti, spero che i giocatori giovani si ispirino a un ragazzo come lui piuttosto che seguire mode maledette”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy