Recoba: “Palermo? Mi sarebbe piaciuto. Difficile per Zamparini strapparmi all’Inter, con Cavani e Abel…”

Recoba: “Palermo? Mi sarebbe piaciuto. Difficile per Zamparini strapparmi all’Inter, con Cavani e Abel…”

Le parole dell’ex attaccante di Venezia e Inter: “Palermo è una piazza che merita la Serie A”

Poco più di ventiquattro ore e sarà Venezia-Palermo, match valido per la trentottesima giornata del campionato di Serie B.

Chi ha detto la sua in vista della sfida in programma domani pomeriggio allo stadio Pier Luigi Penzo (calcio d’inizio alle ore 19), l’ex attaccante del Venezia, Alvaro Recoba. “Una partita non semplice per il Palermo. Il Venezia è in piena zona play off e viva un ottimo stato di forma, guidata da un allenatore che mi piace molto. Storicamente poi non è facile affrontarlo nel proprio stadio. Il Palermo ha comunque un organico di livello e può ambire al massimo risultato”, ha dichiarato ai microfoni del ‘Giornale di Sicilia’.

“Quando andai via da Venezia, sapevo che Zamparini custodiva il desiderio di tornare a lavorare insieme un giorno. Concretamente però a Palermo non provò mai a prendermi, forse per le enormi difficoltà di strapparmi all’Inter. Io in nerazzurro stavo benissimo, ma non nascondo che giocare in una squadra del sud mi sarebbe piaciuto molto. Il calore che si respira in quelle piazze è molto simile a quello dei paesi dell’America Latina. Se ho ricordi particolari legati alla piazza di Palermo? Lo stadio del Palermo mi è sempre piaciuto e mi ricorda anche il primo gol che segnai con la maglia del Torino. Quella partita terminò 1-1 e ricordo che Zamparini scherzando mi disse che lo avevo tradito negandogli la vittoria dopo che mi aveva lanciato in Italia. Ho instaurato un bel legame con i miei due connazionali Cavani ed Hernandez e conservo la maglia rosanero di Edinson. Palermo è una piazza che merita la Serie A, non è certamente una squadra destinata a restare nel campionato di Serie B”, ha concluso Recoba.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy