Pippo Baudo: “Palermo-Juventus, il mio vero derby. Noi meridionali siamo tutti bianconeri”

Pippo Baudo: “Palermo-Juventus, il mio vero derby. Noi meridionali siamo tutti bianconeri”

“Palermo-Juventus è sempre stata la mia partita. Una volta mi è costata una figura che non dimenticherò mai. A ripensarci sento ancora i brividi”. Lo ha detto Pippo Baudo,.

Commenta per primo!

“Palermo-Juventus è sempre stata la mia partita. Una volta mi è costata una figura che non dimenticherò mai. A ripensarci sento ancora i brividi”. Lo ha detto Pippo Baudo, intervistato da Tuttosport in vista di Palermo-Juventus. Il noto presentato siciliano, di fede bianconera, ha raccontanto un aneddoto legato a questa storica sfida. “Avevo 19 anni e al Festival di Mondello avevo scommesso con degli amici palermitani sulla vittoria della Juventus. Mi andò male, ma proprio male. Così per saldare il debito fui costretto a tuffarmi in mare in mutande. Non solo era febbraio, ma beccai anche una giornata con un diluvio universale. Adesso non potrei più permettermelo uno scherzetto del genere – ha dichiarato Baudo -. Quando i bianconeri vengono in Sicilia è sempre una festa. Noi meridionali siamo quasi tutti juventini, come a Cesena. Non si capisce il perché, ma è così. Lo juventino siciliano è passionale, ama in modo incondizionato e non conosce mezze misure. Con tanti chilometri di distanza da Torino non potrebbe essere diversamente: è una scelta di vita e di cuore. Altri segni distintivi? La scaramanzia. Anche io sono scaramantico, eccome se lo sono. Il mio rito è semplice: alla lettura delle formazioni tengo le mani rigorosamente in tasca e con le dita formo due corna. Funziona! Diciamo che il meccanismo si èera solo un po’ inceppato con gli ultimi pareggi prima della vittoria sul Sassuolo”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy