Perinetti: “Questione Barreto? Problema tutto italiano, solo una persona può decidere se è il caso di impiegarlo”

Perinetti: “Questione Barreto? Problema tutto italiano, solo una persona può decidere se è il caso di impiegarlo”

Sabato, contro la Juventus, tornerà a giocare al Barbera dopo la squalifica che lo ha tenuto fuori per Palermo-Empoli. Edgar Barreto, il capitano dei rosanero, sarà nuovamente davanti.

Commenta per primo!

Sabato, contro la Juventus, tornerà a giocare al Barbera dopo la squalifica che lo ha tenuto fuori per Palermo-Empoli. Edgar Barreto, il capitano dei rosanero, sarà nuovamente davanti agli occhi dei suoi tifosi che probabilmente, lo accoglieranno con dei fischi, data la sua scelta di non rinnovare il contratto col club di viale del Fante e di accettare l’ingaggio proposto dalla Sampdoria di Massimo Ferrero. “Iachini è una garanzia, gestirà lui Barreto da qui alla fine se avrà la testa al Palermo – le parole di Giorgio Perinetti in esclusiva a Mediagol.it -. Saprà sicuramente cosa fare. Questo fatto che i giocatori a scadenza di contratto devono essere gestiti diversamente è una cosa tutta italiana – spiega l’ex responsabile dell’area tecnica rosanero -. All’estero si dà sempre il meglio di loro fino all’ultimo e poi cambiano squadra. E’ vero che è difficile da accettare che un giocatore cambi squadra, ma bisogna accettarlo. Però fino a che Iachini si occuperà della cosa non ci sarà di che preoccuparsi, se vedremo Barreto in campo sarà perché è concentrato al massimo sul Palermo. I rosanero hanno fatto una buonissima offerta a Barreto, è la Sampdoria che ha offerto una cifra fuori mercato, successo anche con Maisander, cercato da squadre italiane. Sono offerte fuori mercato per il livello dei giocatori, con tutto il rispetto. Ero convinto che Barreto volesse rimanere, ma la Sampdoria ha fatto un’offerta davvero fuori mercato, avrebbe messo in crisi qualunque giocatore“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy