Perinetti: “Prima impressione su Dybala? Menomale che non era quello visto nei video. Paulo ragazzo semplice, unica concessione…”

Perinetti: “Prima impressione su Dybala? Menomale che non era quello visto nei video. Paulo ragazzo semplice, unica concessione…”

“Qual è stata la mia prima impressione su Dybala nel 2012? Meno male che era più alto del ragazzo visto nei video. E, infatti, da febbraio a giugno era cresciuto di dieci.

Commenta per primo!

“Qual è stata la mia prima impressione su Dybala nel 2012? Meno male che era più alto del ragazzo visto nei video. E, infatti, da febbraio a giugno era cresciuto di dieci centimetri…”. Queste le parole di Giorgio Perinetti, ex responsabile dell’area tecnica del Palermo, intervistato da Tuttosport. “Che tipo è il ragazzo? Molto responsabile e più maturo dei suoi coetanei. Sarà anche perché è rimasto orfano di padre a 15 anni. E’ umile, ma determinato, molto legato alla famiglia – aggiunge Perinetti -. Il calcio è la sua grande passione, vuole arrivare al top e lavora in questo senso, con grande professionalità. Ha personalità, ma è attento anche ai consigli dei compagni, soprattutto con i sudamericani Vazquez e Barreto. Non si monta la testa, né possiede i vizi e i vezzi dei giocatori: poca discoteca, poche uscite, qualche asado, playstation e vita semplice. L’unica concessione è stato l’acquisto di una Porsche“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy