Perinetti: “Dybala? Zamparini dice un’inesattezza. Ecco come sono andate le cose”

Perinetti: “Dybala? Zamparini dice un’inesattezza. Ecco come sono andate le cose”

La precisazione dell’ex responsabile dell’area tecnica del Palermo.

4 commenti

In merito a un passaggio specifico della conferenza odierna tenuta da Maurizio Zamparini, che ricostruiva l’intricata vicenda legata all’acquisizione del cartellino di Paulo Dybala dall’Instituto de Cordoba (qui il testo), l’ex responsabile dell’area tecnica del club di viale del Fante, adesso dirigente al Venezia, Giorgio Perinetti – chiamato in causa proprio dal patron friulano – ha voluto precisare quanto segue. “Mai portato Mascardi da Zamparini. Dopo una riunione a Londra con Teubal, me e Rebasa, vero procuratore di Dybala, fu convenuto un incontro con Zamparini a Varese. In questo incontro Rebasa trovò l’accordo con Zamparini. E il giorno dopo Dybala, fino ad allora nascosto a Bergamo, andò a Varese a firmare, circostanza sempre rifiutata con Mascardi che aveva preso questo impegno con Cattani, e non con il sottoscritto. La riunione decisiva è stata predisposta dall’avvocato Pilla di Milano, collaboratore di Rebasa”, le dichiarazioni di Perinetti.

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. ZAMPAVATTENE!! - 1 anno fa

    GIRA, VOTA E FIRRIA, ZAMPARINI VIENE SEMPRE SMENTITO PUBBLICAMENTE…
    E’ UN FISSARIANOMANE RECIDIVO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gasdi_644 - 1 anno fa

      Caro Zampavattene,ho seriamente paura che potremmo finire come il Parma,troppe incongruenze, troppe fandonie, si capisce bene che non ci sono più quattrini ,si capisce bene che non c’è più né organizzazione,nè progetti,nè collaboratori ,in modo tale da potere controllare tutto e non essere controllato.Ora il feeling con questi croati/serbi/montenegrini etc ,gente alla quale io non affiderei neanche un cane morto ma con i quali lui amoreggia perché chissà cosa c’è sotto.Prima o poi la bomba scoppierà e non vorrei sia troppo tardi.Noi abbiamo solo una possibilità,organizzare contestazioni allo stadio,farne un caso mediatico in modo da costringerlo VERAMENTE a vendere ,sono straconvinto che potrebbero esserci compratori anche modesti in grado di salvare la baracca. Potremmo fare campionati di serie B come una volta ma almeno andremmo allo stadio con quell’amore,quell’ansia,quella gioia che ci faceva passare delle giornate emotive belle di tifo sano e non di sofferenza come adesso.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Salvatore Di Martino - 1 anno fa

    Non capisco nulla cmq

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Fulvio Cassetta - 1 anno fa

    Ma davvero?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy