Perinetti: “A Palermo non ho visto il Pordenone di Tedino. Bacconi? Non ne trovo la logica…”

Perinetti: “A Palermo non ho visto il Pordenone di Tedino. Bacconi? Non ne trovo la logica…”

Le parole del doppio ex della sfida tra rosanero e lagunari, Giorgio Perinetti

Nella serata di domani dalle ore 19:00, allo stadio “Pierluigi Penzo“, andrà in scena Venezia-Palermo: sfida di Serie B d’alta classifica che vedrà uno contro l’altro Bruno Tedino e Pippo Inzaghi.

Match decisamente importante per i rosanero, chiamati a tentare il colpaccio in trasferta e a portare a casa in tal modo i tre punti per tenersi alla pari con il Parma e approfittare del k.o. del Frosinone che adesso è dietro, ad una sola lunghezza.

Ai microfoni del Corriere dello Sport ha parlato il doppio ex della partita Giorgio Perinetti, dirigente a più riprese del Palermo e fino ad ottobre 2017 del Venezia. Di seguito un estratto delle sue dichiarazioni:

Non ho visto, nel Palermo, il Pordenone di Tedinocome fluidità di gioco e personalità. Palermo non ti stritola, ma pretende. Credo si sia creata una situazione diversa: il Pordenone aveva la possibilità di proporre il suo calcio senza imposizioni. L’arrivo di Bacconi? A poche partite dalla fine non riesco a trovarne la logica, non cosa possa fare un analista tattico. Se oggi è di moda la tecnologia… non lo so, non è una risposta che devo dare e non mi interessa“.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. nick - 6 mesi fa

    Come non c’è logica nella sostituzione di lupo o nel cambiare preparatore le ultime partite..
    Le classiche mosse folli di mz.
    Bastava prendere un allenatore navigato quattro giocatori di categoria e si andava dritti in A.
    E invece ormai si va solo a scommesse per risparmiare che poi i tentativi di mettere continuamente pezze ti costano di più.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy

// inizio configurazione per mediagol // fine configurazione per mediagol