Palermo, Zamparini ha deciso: Tedino game over, Stellone in pole. Le parole del patron…

Palermo, Zamparini ha deciso: Tedino game over, Stellone in pole. Le parole del patron…

Bruno Tedino è ormai ad un passo dall’esonero. Zamparini, salvo improbabili colpi di scena, ha già preso la sua decisione…

La notte ha portato consiglio.

Salvo improbabili colpi di scena, l’avventura di Bruno Tedino sulla panchina del Palermo può considerarsi virtualmente conclusa. Ancor più del risultato negativo, netto ed inappellabile, al tecnico originario di Treviso è stata fatale la prestazione disarmante sul piano mentale e nervoso offerta dalla squadra allo stadio Pier Luigi Penzo contro il Venezia.

Segnali inequivocabili di una disconnessione totale tra i calciatori e l’allenatore ex Pordenone, che non riesce più a trasmettere non solo nozioni tattiche e tecniche proprie al suo credo calcistico ma, soprattutto, input agonistici e motivazionali consoni ad una squadra che dovrebbe schiumare determinazione e rabbia direttamente proporzionali all’importanza dell’obiettivo prefissato.

Il Palermo visto ieri sera è sembrato un’accozzaglia di giocatori disgregata, spenta e priva di qualsivoglia energia, nelle gambe e nella testa. Disorientata e smarrita, incapace di ritrovarsi in un impianto di gioco collettivo, un canovaccio anche basico ma che fosse almeno lineare e corale.

“La squadra vista ieri? Sicuramente ti cadono le braccia, così non si va da nessuna parte. Non ho dormito tutta la notte e sto ancora riflettendo sulle decisioni da prendere, perché naturalmente non è possibile in questa situazione andare ad affrontare le ultime partite o i play-off se non saliamo direttamente – ha dichiarato il patron Zamparini nel day-after la sfida contro il Venezia, ai microfoni del sito ufficiale rosanero -. Noi ieri non abbiamo combattuto e siccome la squadra è l’immagine del suo allenatore… io sto riflettendo molto perché in questo momento non mi sembra che la squadra abbia il carattere e la forza di combattere. E che non abbia la fiducia di chi la conduce. Ragion per cui sto ancora riflettendo su questa situazione qui”.

Ma non solo. Il numero uno di viale del Fante ha voluto mandare un messaggio ai supporter rosanero in vista del prossimo match di campionato, quello di lunedì sera contro il Bari di Fabio Grosso. “Chiedo pazienza ai tifosi, non mi aspettavo assolutamente una partita come quella di ieri sera. E’ stata la peggior partita di tutto il campionato, è stata una partita senza carattere e una squadra per vincere deve avere carattere. Non sarà facile, ma combatteremo ancora per farcelaAbbiate pazienza, una preghiera: avete aiutato tanto il vostro Palermo quando è risalito in Serie A negli anni passati; nella partita di lunedì sera avremo bisogno dell’affetto di tutta Palermo attaccato alla squadra, che la inciti per andare in Serie A. E’ una preghiera che faccio a tutti voi. Dimenticate tutto e venite a sostenere la vostra squadra, grazie”, sono state le sue parole.

Insomma, Zamparini ha definitivamente esaurito la pazienza. Percependo in modo nitido ed inequivocabile dalla prestazione sconcertante fornita dai suoi ieri sera che è giunto il momento di intervenire. Ed in pole per la successione, al momento c’è Roberto Stellone, che si sarebbe già promesso al Venezia in vista della prossima stagione. Da verificare se trattasi di un’intesa sulla parola o se sussiste già un accordo preliminare ratificato. Tuttavia, alla corte di Zamparini non direbbe di no.

Sullo sfondo Gianni De Biasi, un’ipotesi più defilata. L’ex commissario tecnico dell’Albania stimato dal patron friulano e desideroso di rimettersi in pista in presenza di garanzie tecniche e contrattuali che contemplino una prospettiva concreta anche per la stagione successiva.

Seguiranno aggiornamenti…

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Crazyhorse - 12 mesi fa

    Sì, tranquillo, Lunedì sera ci saremo tutti allo stadio ma per contestarti!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Claudio - 12 mesi fa

    Licenziare Tedino due giorni prima di una partita fondamentale come quella col Bari significa dire ai pugliesi “prego accomodatevi” ormai la frittata è fatta. Il mercante doveva pensarci prima, e nn prendere un allenatore inesperto come Tedino e magari rinforzare la squadra a gennaio. Insomma è tutta colpa sua come sempre succede da 3 anni a questa parte. Ma poi signori salire in A con questa squadra?…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Ombretta Battistin - 12 mesi fa

    Non è il cambio di allenatore a fare la differenza..gli allenatori di danno un mazzo tanto. ..forse diciamo che la strigliata va fatta ai giocatori….la porta di gonfie lagumina….forza ragazzo…Non hai iniziato ieri a giocare…dai Palermo….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy