Palermo-Torino: le probabili formazioni. Le certezze di Bosi, le priorità rosanero

Palermo-Torino: le probabili formazioni. Le certezze di Bosi, le priorità rosanero

Le ultime sulle scelte di Bosi e Ventura.

4 commenti

Una pressione, quella esercitata dal Frosinone che ha vinto sull’Empoli (qui il commento), di cui il Palermo avrebbe fatto volentieri a meno. Alla prima ufficiale di Giovanni Bosi sulla panchina rosanero, i siciliani sono praticamente obbligati a conseguire punti preziosi in chiave salvezza. Il momentaneo gap con i ciociari (attualmente terzultimi in classifica, qui la graduatoria aggiornata) si è ristretto: adesso appena quattro i punti a distanziare le due formazioni.

Leggi anche: Giovanni Bosi, via l’emozione: “Palermo, approfittiamone! Le mie scelte, la mia filosofia. Con Tedesco…”

In mezzo vi sono Sampdoria e Genoa (rispettivamente a 24 e 25 punti), ma anche una partita in meno per Sorrentino e compagni, attesi tra qualche ora al Renzo Barbera: l’avversario sarà il Torino di Giampiero Ventura, all’andata – quando a guidare i rosa era ancora Iachini – vinsero i granata per 2-1. Nella sfida valida per la 25esima giornata di campionato, Bosi se la giocherà a viso aperto: riconfermerà il più possibile, stravolgerà poco, quasi nulla. Il modulo adottato dal mister di Faenza (che in carriera ne ha usati diversi, qui l’approfondimento) sarà quello di Schelotto, il 4-3-3: cambieranno alcuni interpreti.

Approfondisci: Sorrentino-Pistocchi lite sul web: “A Capodanno con te nessun rosanero”. Le risposte del capitano del Palermo con foto e video

DIFESA Intanto vi saranno delle sostituzioni obbligatorie. Struna è infortunato, Lazaar è squalificato e – peraltro – due giorni fa è andato k.o. per un trauma alla tibia (qui i dettagli): al loro posto agiranno Morganella (a destra) e Rispoli o Pezzella a sinistra. Il dubbio perdurerà fino a un’ora dal fischio d’inizio del match del Barbera e sarà strettamente collegato alla scelta del centrale di difesa da affiancare a Giancarlo Gonzalez. Il Pipo è già sicuro del posto, mentre a Goldaniga si potrebbe preferire Sinisa Andelkovic: se a giocare da terzino mancino dovesse essere Pezzella, allora Bosi opterà per Andelkovic; il classe ’93 con un passato nella Juventus, invece, sarà chiamato in causa dal 1′, qualora venisse scelto Rispoli. L’ex Parma ha già giocato in quella posizione – del tutto insolita per un destro – in occasione della sfida del Mapei Stadium contro il Sassuolo.

Leggi di più: VIDEO, Schelotto torna in Argentina: “Zamparini mi cita per danni? Ehm… no”

CENTROCAMPO E ATTACCO A centrocampo l’unica novità dovrebbe riguardare il calciatore che avrà il compito di fungere da playmaker, ruolo che – prima della squalifica – veniva svolto in maniera continuativa da Mato Jajalo. L’impiego del croato da faro del centrocampo, tuttavia, non sembra per nulla scontato. In questi giorni il classe ’88 assistito da Davor Curkovic (approfondisci: PALERMO: L’ULTIMO TANGO DI SCHELOTTO E LE SORPRESE IN SERBO), è stato provato più da mezzala a sinistra che da vertice basso. La cabina di regia, anche nel corso dell’allenamento di ieri, è stata affidata a Maresca e Brugman. Il primo era in formazione con Hiljemark e Chochev; il secondo nelle esercitazioni era in campo fra Cristante e Jajalo. In attacco Gilardino nettamente in vantaggio su Uros Djurdjevic.

Articolo consigliato: Foto, Struna: “Un piccolo gesto per una grande causa. Fanc**o al cancro”

PROBABILI FORMAZIONI

PALERMO (4-3-3): Sorrentino; Morganella, Gonzalez, Andelkovic, Pezzella; Hiljemark, Brugman, Jajalo; Vazquez, Gilardino, Quaison. All.: Bosi.

TORINO (3-5-2): Padelli; Maksimovic, Glik, Moretti; Zappacosta, Benassi, Gazzi, Baselli, Bruno Peres; Belotti, Immobile. All.: Ventura.

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. amopalermoeschifiuct - 2 anni fa

    Andelkovic no x favore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. george - 2 anni fa

    La squadra è palesemente debole. Per fortuna al calcio non sempre vincono i più forti. La cosa preoccupante è che, sempre che fortunosamente rimarrà i A, il prossimo anno sarà ancora più debole. Anche perché ormai la favola di nuovi investitori è davvero molto,ma molto poco credibile. Come è chiaro che a fine stagione, per le prossime plusvalenze, il portafoglio di MZ sarà ancora più gonfio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. gian5 - 2 anni fa

    solo una cosa Uros Djurdjevic lo terrei in considerazione almeno per un tempo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. sandro - 2 anni fa

    Morganella, Gonzalez, Andelkovic, Pezzella; Hiljemark, Brugman, Jajalo; quaison, ma chisti iucaturi su..?? ……mi piaci poi ca cita pi danni…. VERGOGNA ta mettiri na maschera.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy