Palermo, Tedino torna in bilico: Zamparini è molto perplesso e riflette sul futuro del tecnico. Foschi e Stellone…

Palermo, Tedino torna in bilico: Zamparini è molto perplesso e riflette sul futuro del tecnico. Foschi e Stellone…

La prestazione modesta e abulica fornita dal Palermo contro il Brescia fa riemergere criticità ed interrogativi. La posizione di Tedino torna ad essere fortemente in bilico. E Zamparini…

Un blackout inspiegabile maturato nel giro di 72 ore.

Dalla prestazione autorevole e brillante sfoderata contro il Perugia al “Barbera”, alla prova opaca ed impalpabile del “Rigamonti”, la metamorfosi del Palermo di Bruno Tedino è stata drastica e repentina, per certi versi sconcertante. Difficile comprendere quale meccanismo si sia inceppato sia sotto il profilo tecnico, sia psicologico, in una squadra che pareva star ritrovando equilibri e consapevolezze. Sull’abbrivio delle due vittorie consecutive conquistate, la compagine siciliana avrebbe dovuto fornire ben altra prestazione al cospetto del Brescia di Eugenio Corini.

L’inconsistenza tattica, nervosa e tecnica del Perugia sceso in campo al “Barbera” sabato scorso doveva costituire più di un indizio: il Palermo non ha ancora trovato adeguate soluzioni alle numerose criticità che avversano la crescita di questa squadra. A salire sul banco degli imputati è ancora una volta il tecnico Bruno Tedino.

Preparazione e gestione della gara del “Rigamonti” da parte dell’ex allenatore del Pordenone hanno destato più di una perplessità alla luce di quanto si è visto sul terreno di gioco. Venti minuti discreti, poi il nulla, con il Palermo sovrastato per ritmo, intensità e qualità in ogni zona del campo. Una squadra la cui psiche è andata in frantumi subito dopo l’uno-due firmato Alfredo Donnarumma, complici una serie di topiche difensive culminate nello svarione clamoroso di Bellusci in occasione del raddoppio.

Il 3-5-1-1 coniato inizialmente da Tedino ha mostrato una squadra sostanzialmente remissiva e pavida dopo il fuoco di paglia del primo scorcio di match, incapace di produrre trame fluide, incisive e corali in grado di impensierire la retroguardia lombarda. Un Palermo dimesso anche dal punto di vista della tenuta mentale e nervosa, tanto da omaggiare di fatto entrambe le reti che hanno permesso al Brescia di chiudere la prima frazione in vantaggio di due gol.

Poco è cambiato in una ripresa in cui gli ingressi di Aleesami e Puscas non hanno minimamente spostato gli equilibri. Il 3-4-1-2 coniato a caccia della rimonta ha sortito ulteriori imbarazzi in sede di filtro in mezzo al campo e distanze tra i reparti, non accrescendo l’indice di pericolosità in fase offensiva. E la carta Moreo è sembrata più una mossa figlia della disperazione, che non di un reale convincimento tattico.

Al netto del ritardo di condizione dei singoli e dei calciatori allo stato attuale fermi per infortunio, la sensazione è che quando si alza leggermente l’asticella della competitività, questa squadra vada palesemente in affanno sotto il profilo tattico, atletico e mentale, pagando un gap in termini di organizzazione, automatismi ed impianto di gioco notevole al cospetto dell’avversario di turno.

Secondo indiscrezioni raccolte dalla redazione di Mediagol.it, nonostante le due vittorie consecutive ottenute contro Foggia e Perugia, il tonfo di Brescia ha rimesso fortemente in discussione la posizione del tecnico Bruno Tedino. Il patron friulano Maurizio Zamparini starebbe seriamente riflettendo sull’ipotesi di sollevare dall’incarico il coach ex Pordenone. I confronti sul tema con il responsabile dell’area tecnica Rino Foschi si susseguono in maniera febbrile nelle ultime ore.

Forti dubbi in seno ai vertici del club sulla reale capacità di Tedino di infondere identità, forma mentis ed impianto di gioco utili ad esaltare il potenziale tecnico di questo organico, ritenuto da Zamparini e Foschi comunque di assoluto livello in relazione agli standard della categoria.

Ulteriore elemento di valutazione in viale del Fante è tuttora il feeling tattico e motivazionale fra il tecnico e la squadra: non è un mistero che sin dalla crisi patita nel girone di ritorno della scorsa stagione, poi culminata con l’esonero, connessione ed ascendente dell’allenatore nei confronti di alcuni leader dello spogliatoio sono sensibilmente scemate.

Ragion per cui, sono ore decisive e calde per stabilire il futuro di Bruno Tedino sulla panchina del Palermo. Non sono da escludere svolte significative in questo senso a stretto giro di posta. Il candidato numero uno a raccogliere l’eredità del tecnico veneto è ancora una volta Roberto Stellone, tuttora contrattualmente legato al club di viale del Fante ed a libro paga di Zamparini. Molto stimato all’interno dello spogliatoio rosanero, Stellone condusse con profitto la squadra nell’ultimo scorcio dello scorso torneo, arrivando imbattuto alla discussa finale di ritorno play-off contro il Frosinone. Proprio i rapporti non particolarmente idilliaci tra il patron friulano e lo stesso Stellone, che hanno caratterizzato il bimestre del tecnico romano sulla panchina rosanero, potrebbero costituire un deterrente nell’ottica di un eventuale avvicendamento in panchina. L’opera diplomatica e di mediazione di Rino Foschi potrebbe però sbloccare l’impasse.

15 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Louie15 - 8 mesi fa

    “L’inconsistenza tattica, nervosa e tecnica del Perugia”

    Scusate, avevate parlato del Palermo come se fosse il Real Madrid, qualche giorno fa. Questa sconfitta non è “inspiegabile”, lo è semmai la fiducia in Tedino e in una squadra composta da giocatori mediocri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Giovanni Corsale - 8 mesi fa

    Iachini ..na garanzia ..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Salvo Effe - 8 mesi fa

    UNA SOLA PAROLA: ESONERO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Silvio Scimone - 8 mesi fa

    Perplesso? Cambia adesso che c’è il turno di riposo o é troppo tardi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Rappa Ignazio - 8 mesi fa

    Stellone basta abbiamo vinto con Foggia per culo col Perugia perché è scarso perso a Brescia perché non sa neanche lui che fare tedino e 3 tiri in porta in 95 minuti a casa tedino

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. tom2304 - 8 mesi fa

    SAREBBE ORA

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. nick - 8 mesi fa

    Non c’era nessuna logica nel riportarlo in panchina, già lo scorso anno ha dimostrato di non essere adeguato, cosa ancora più folle visto che Stellone lo avevi già a libro paga(ha raccontato pure la balla che era troppo ambizioso per rimanere quando Quello diceva che sarebbe rimasto senza problemi)
    Francamente ormai seguire il Palermo é un un supplizio ma vie di’uscita non se ne vedono.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Willy Wonka Rosanero - 8 mesi fa

    Se fosse realtà l’uscita di scena di MZ, perché non riprendere Stellone? Forse non è poi così tanto vero che a entro 2/3 settimane il patron non ci sarà più…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. nick - 8 mesi fa

      Perché tu credi che andrà via?
      Tra due settimane al massimo le sparerà ancora più grosse

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Valerio Anastasio - 8 mesi fa

    Nessun allarmismo, quello del meusaro è un mestiere storico che si tramanda di padre in figlio, non avrà difficoltà a trovare una bancarella a Porta Carbone, ha pure la prestanza fisica adatta ❤️

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Nicola Bonello - 8 mesi fa

    Ma cosa aspetta

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Rosario Demma - 8 mesi fa

    Via subito anche se vorrei Davide nicola

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Vincenzo Marchello - 8 mesi fa

    Uno dei piu’ grandi difetti di Zamparini e’ che non conosce il motto..meglio perdere che straperdere. Questa squadra non ha un’idea di gioco da 3 anni e se a questo aggiungi che e’ assemblata male la soluzione e’ che non andiamo da nessuna parte.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Vince Gaglio - 8 mesi fa

    Il meusaro è un brav’uomo, ma non è in grado di portare il Palermo in A. La sua categoria è la Lega pro……..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Vincenzo Baio - 8 mesi fa

    Cambialo prima che sia troppo tardi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy