Palermo: statuetta d’oro a Maresca, i numeri sono dalla parte dell’ex Siviglia

Palermo: statuetta d’oro a Maresca, i numeri sono dalla parte dell’ex Siviglia

Riflettori puntati sul numero 25 rosanero.

1 Commento

Stagione particolare per Enzo Maresca. In estate si pensava dovesse lasciare Palermo ed il Palermo. Il centrocampista classe ’80 sembrava essere stato messo alla porta da Maurizio Zamparini. Momenti duri per l’ex Siviglia, che pian piano è tornato ad essere titolare con Beppe Iachini in panchina. Poi, l’arrivo di Davide Ballardini e l’epurazione dopo la sconfitta contro l’Alessandria in Coppa Italia. Ma non è finita qua, perché lo scorso 12 gennaio è stato reintegrato in squadra. E domenica, ripescato dal primo minuto contro il Bologna, Maresca ha dimostrato di poter essere ancora utile alla causa rosanero. “I numeri sono dalla sua parte. L’unico ko in trasferta con lui in campo è stato contro il Napoli. Medie punti peggiori per tutti gli altri che si sono alternati in regia – scrive l’edizione odierna del ‘Giornale di Sicilia’ -. Mentre Ennio Morricone trionfa agli Oscar, il Palermo non vince col Bologna né forse convince più di tanto, lasciando nella mente di tifosi e addetti un interrogativo: dopo il pari interno contro il Bologna, il fatidico bicchiere è mezzo pieno o mezzo vuoto? Nel dubbio però, anche il Palermo ha un suo Oscar da esibire, alla regia. Statuetta d’oro a Enzo Maresca, forte di una candidatura reiterata, di un’esperienza che alla fine ha avuto le sue ragioni. Maresca è probabilmente la nota più positiva vista col Bologna. Capace di dare ordini ad un centrocampo a cinque, che ha potuto supportare anche il passo del numero 25, che ha da poco compiuto 36 anni, piede preciso come al solito, una punizione finita di poco sull’esterno della rete, verticalizzazioni e tanti applausi. Maresca ha convinto, e ha dalla sua anche la forza dei numeri”.

Approfondisci: FOCUS: ORDINE TATTICO, SPIRITO E SENATORI L’UNICA VIA D’USCITA

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Cristian Ralli - 1 anno fa

    L’anno scorso stessa storia! Zamparini non voleva Maresca titolare. Eravamo nelle ultime posizioni. Poi Iachini si è imposto e con lui titolare abbiamo fatto una salvezza tranquilla. Quest anno Zamparini, che non impara mai dai suoi errori, ha fatto la stessa cosa, mettendolo addirittura fuori rosa. UN grande intenditore di soldi ma non di calcio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy