PALERMO-REGGINA: Le pagelle di Mediagol

PALERMO-REGGINA: Le pagelle di Mediagol

di Mariano Calò
.

Commenta per primo!

di Mariano Calò

SORRENTINO 6 La Reggina dalle sue parti si vede poco, ma quando c’è da intervenire mostra di essere un portiere di altra categoria. Non è chiamato al miracolo, ma ci mette la solita puntualità e personalità. Eccellente su Sbaffo nel primo tempo.

ANDELKOVIC 6,5 Ennesima prestazione positiva dello sloveno. Sbaffo gli dà filo da torcere, ma il duello alla lunga lo vince lui. Nella ripresa la Reggina schiera 4 punte, ma lui non perde la calma, anzi, fa vedere le cose migliori.

VITIELLO 7 Iachini punta ancora su di lui e non sbaglia. Concentrazione, esperienza, esplosività per rendere la vita difficile agli uomini d’attacco della Reggina. Importantissimo il suo recupero su Sbaffo che nel primo tempo si stava avventurando da solo in area di rigore.

TERZI 6,5 Contro una Reggina che si giocava tutto con gli inserimenti dei centrocampisti la partita non si prennunciava semplice, ma l’ex centrale di Siena e Bologna ha giocato la solita gara sicura. Le critiche del girone d’andata sono solo un ricordo lontano. Rigenerato.

STEVANOVIC 6 Il Palermo spinge soprattutto sulla corsia di sinistra e la sua prestazione ne viene penalizzata. Con la palla al piede fa vedere qualche numero dei suoi, ma per una volta non ha modo di essere decisivo.

  • PISANO 6,5 Entra in campo nella ripresa con il piglio giusto. Fa valere il fisico e il senso dell’inserimento impensierendo di testa Pigliacelli. Meriterebbe il gol per l’impegno e la professionalità.

BOLZONI 7 Non ci sono più aggettivi per descrivere l’importanza di questo centrocampista nello scacchiere tattico di Iachini. Recupera decine e decine di palloni e non si stanca mai, con lui in campo diventa impossibile ragionare per gli avversari.

BARRETO 6,5 Anche in cabina da regia il suo contributo è sopra la media. Con personalità ed esperienza riesce a supplire con tranquillità all’assenza di Maresca. Ci mette il cuore in ogni giocata e con Vazquez al suo fianco non ha nemmeno bisogno di rischiare la giocata più difficile. Condottiero.

VAZQUEZ 7 Poco importa che giochi in attacco, sulla trequarti o da mezzala, è sempre lui il faro di questo Palermo. Gestisce la manovra offensiva e inventa occasioni. Il vero capolavoro di Iachini, prima ancora della promozione, è aver recuperato El Mudo.

  • MILANOVIC SV Pochi minuti a difesa del risultato. Obiettivo raggiunto.

LAZAAR 6,5 Nel primo tempo sembra aver perso un po’ dello smalto delle prime uscite in rosa, ma l’azione del gol parte dal suo piede e nella ripresa si rende protagonista di diverse scorribande che mettono in crisi una Reggina sbilanciata. Spinge tanto e tiene in apprensione tutta la corsia destra della Reggina.

DYBALA 7 Ogni tocco di palla del Principito è vera poesia calcistica. Quando, come stasera, ci mette anche la concretezza sotto porta diventa l’uomo in più per il Palermo. Si diverte a duettare con Vazquez e Lafferty e mette in difficoltà il portiere avversario anche con dei cross velenosissimi.

  • BELOTTI SV Si batte come sa, ma non ha il tempo di incidere.

LAFFERTY 6 Non è la serata migliore del nordirlandese, ma le sue sponde e il suo lavoro a tutto campo si rivelano ancora una volta utilissimi alla causa rosanero, non a caso Iachini lo lascia in campo per tutta la partita.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy